Forum MeteoNetwork

Subscribe to feed Forum MeteoNetwork Forum MeteoNetwork
Aggiornato: 59 min 52 sec fa

Modelli Confini geografici GRADS

Ven, 05/02/2016 - 23:16
Ciao,

vorrei chiedere agli esperti un suggerimento riguardo l'aspetto dei confini geografici della mappe plottate con GRADS su dati del modello WRF. Come si vede dall'immagine allegata i confini geografici appaiono squadrati e poco definiti, mi piacerebbe nvece che avessero più dettagli.
grazie Anteprime Allegate  

Calcolo del rain rate per stazioni che non lo mettono a disposizione

Ven, 05/02/2016 - 18:52
Buonasera,

avrei la seguente situazione:
stazione meteo di ottima qualità che tuttavia tra i vari parametri che calcola ed inoltra al server non presenta il RainRate pertanto mi sono cimentato nel tentativo di calcolarlo direttamente con uno script PHP - JQuery (AJAX) ma vorrei un conforto da qualcuno che magari ha una situazione simile ed ha risolto con qualche riga di codice...

in breve lo script interroga ogni 10 secondi la stazione meteo e rileva ad ogni interrogazione l accumulo totale di pioggia in quel momento e la relativa ora minuto e secondo della richiesta... questi due dati vanno ad alimentare due array uno l'ho chiamato rain ed uno time, faccio fare tre interrogazioni e quindi applico tale formuletta

[(rain[2] - rain[0])/(time[2]-time[0])] x 3600

in sostanza rilevo quanta pioggia --> rain[2]-rain[0] è caduta in un certo numero di secondi(20 secondi)--> time[2]-time[0] e quindi divido la pioggia caduta per i secondi in cui e caduta ottenendo un rain rate istantaneo (ovvero mm/sec) poi moltiplicando per 3600 (che sono i secondi in un ora) ottengo una presunta estrapolazione di rain rate orario...

tale approccio mi da dei risultati nel senso che quando piove la rilevazione fornisce dei valori, valori che poi durante la precipitazione variano al variare dell'intensità della stessa, tuttavia non so se tale modalità di calcolo è giusta o completamente sballata...

si accettano suggerimenti consigli o modalità alternative di calcolo del rain rate...

(so che alcuni software ad es. Weather Display lo calcolano automaticamente ma mi piacerebbe capire se la modalità e l'approccio usati da me possono considerarsi soddisfacenti e quanto meno precisi..)

Grazie.... saluti

ps
mi scuso se ho postato in una parte del forum non giusta ma non sapevo dove poter collocare tale tipo di richiesta....

Marzio

Monitoraggio Primavera 2016

Ven, 05/02/2016 - 09:32
Buongiorno a tutti!!! Dal prossimo mese entriamo nella primavera meteorologica.....ma il suo andamento dipenderà molto da movimenti che iniziano già in questo mese.
Quindi,via alle vostre analisi e vediamo di imparare il più possibile;)

Proseguo di Febbraio 2016 in Italia ? Provo a dire 2 parole.....

Ven, 05/02/2016 - 03:08
Proseguo di Febbraio 2016 in Italia ? Provo a dire 2 parole....


Ormai penso che il quadro teleconnettivo sia chiaro,però cerco di spiegarvelo nuovamente.
Vi metto tutto in una gif qui sotto:





VP alle prese con vari warming,sopratutto in sede troposferica,stavolta rispetto ai passati riscaldamenti di Gennaio,quest'ultimi sono riusciti a raggiungere pure la stratosfera.
AO e NAO che di conseguenza tornano a calare.
Warming però ancora una volta non convergenti verso il polo,da questo se ne deduce la loro poca efficacia,dinamiche displacement,VP strong,inattaccabile o quasi.
Se non fosse stato per quei due riscaldamenti troposferici con calo della NAO sotto lo zero a Gennaio,non avremo avuto nemmeno quelle due ondate fredde con neve a bassa quota prima su parte del N Italia e poi sulle regioni del Centro-Sud.
La non convergenza dei warming è poi da attribuire alla fortissima attività della prima onda planetaria,la wave 1,mentre la grande assente che ormai è sotto gli occhi di tutti è la wave 2.
Nam che di conseguenza torna a calare,ora addirittura con valori negativi,anomalie positive.


Sui perché poi di questo strano Inverno italiano,il quale ha visto un clima per lo più autunnale,ne parlerò con una mia analisi.
Tra l'altro non nascondo di aver errato pure io su molti punti,sia riguardo quella invernale che le ultime postate,non tutti (i punti) però.
Un modo per chiarire a chi legge,questi aspetti.
:)


Dopo questo breve sunto,vediamo ora di provare a dire come potrebbe proseguire questo mese di Febbraio sull'Italia,tra l'altro è pure bisestile ,inoltre è il mio mese natale.


5 - 15 Febbraio 2016 Previsione meteo a grandi linee per l'Italia:


Ecmwf 12z del 4 Febbraio:








Gfs 12z del 4 Febbraio:








A causa del graduale abbassamento del getto perturbato nord-Atlantico con anticiclone delle azzorre spianato e graduale svuotamento delle vorticità (getto in uscita dagli states veloce),sull'Italia si potrebbe avere zonalità bassa,treno di varie perturbazioni accompagnate da aria fredda polare marittima e artico marittima,le quali però non sfonderanno più di tanto sulla nostra penisola a causa dello sbarramento alpino.
Weather regime prevalente che definirei da EUL,visti i due anticicloni ai lati delle previste saccature in arrivo.


5-7 Febbraio:


Oggi 5 Febbraio ultima giornata stabile sul centro-N Italia,sul centro-S anche Sabato dovrebbe risultare stabile.
Dal pomeriggio sera di Sabato 6,nuovo peggioramento con prime piogge sul NW italiano.
Domenica una grossa e organizzata perturbazione potrebbe portare precipitazioni stavolta nella prima parte della giornata fino al primo pomeriggio su tutto il N Italia con cumulati pluviometrici anche notevoli sopratutto sui monti ad esclusione dell'Emilia Romagna,zona centrale presso il PO.
Tanta neve sulle Alpi,dove dovrebbe esser caduta pure nella giornata di Venerdi,qualcosa anche in Appennino (Domenica) ma sopra i 1600 mt.
Perturbazione che nel pomeriggio sera interesserà il resto del centro-sud penisola.


8-15 Febbraio:


Anche in questo frangente sono previste altre perturbazioni sulla nostra penisola con scarsissime se non nulle pause,però stavolta potrebbe sfondare più decisa l'aria fredda,sempre delle medesime tipologie descritte sopra (polare marittima e artico marittima).




______________________________________________


15-29 Febbraio Italia,spunti di analisi,previsione più incerta:


In questo frangente di tempo molto importanti per le nostri sorti saranno gli effetti dei vari warming che anche in questo momento colpiscono il VP,il loro interessamento della troposfera (AO,NAO negativi),le fasi della MJO prevista verso 7 e 8,ripresa della wave 2 e sopratutto l'elevazione dell'anticiclone azzorriano.


Da qui poi potremo valutare meglio la situazione.


Al momento,seguendo ciò che dicono le teleconessioni e i GM,questa seconda parte mensile potrebbe risultare leggermente meno perturbata della prima ma più fredda,dove non escludo l'arrivo oltre all'aria fredda polare marittima,artico marittima di anche quella continentale con maggior coinvolgimento delle regioni Adriatiche,tutto dipende dall'elevazione azzoriana.
Se non ci sarà,allora dinamicità atlantica,oppure una stiratella altopressoria (hp disposto sui paralleli).




Marzo 2016 ??:


Volendo aggiungere,tanto per parlare,sapendo la bassa attendibilità di tale previsione,due parole su Marzo,il mese potrebbe risultare piuttosto dinamico e freddo.
Il VP è in fase di prolungato disturbo.






* Date il giusto valore alla mia umile analisi,le analisi a lungo termine non vanno mai prese per oro colato.




Ai prossimi aggiornamenti.






Fabrizio Reali Fabri93 ©

Deficit ghiaccio mar glaciale artico

Ven, 05/02/2016 - 00:31
Vedendo l'estensione dei ghiacci artici, ci si rende conto di come sia stata penalizzante la circolazione atmosferica degli ultimi quattro mesi.
Se date un'occhiata all'immagine del 03 febbraio, balza all'occhio le zone con maggior deficit:

La zona a sud dello stretto di Bering e ovviamente tutta l'area più influenzata dalla corrente del golfo. quest'area sopratutto ha avuto anche l'accanimento di correnti dai quadranti meridionali per quasi tutto gennaio (verificate i dati storici per gennaio 2016 della stazione di Ny-Alesund ;eek:)
Tutte le aree marine periferiche al mar glaciale artico sono quindi in pesante deficit (mare di Barents...manca il ghiaccio a metà strada tra la nuova zemlja e le isole Bolsceviche..e lo stretto di Bering)il risultato ad oggi è mortificante dato che entriamo nel bimestre di maggior estensione, e se non cambia qualcosa a livello atmosferico (e marino), potremmo assistere a settembre ad un nuovo minimo storico.
Guardando il grafico interattivo e prendendo il 2016 e il 1979

tra una ventina di anni si rischierà di avere la massima estensione glaciale invernale più bassa della minima estensione estiva del 1979 ;d: Anteprime Allegate    

25 anni fa il febbraio 1991!

Mer, 03/02/2016 - 21:25
Ciao ragazzi se mi è consentito da domani e per circa 10 giorni ogni giorno scriverò qualcosa sul febbraio 1991 in occasione del venticinquesimo anniversario, un bellissimo periodo meteo vissuto da me allora dodicenne di seconda media.
Vi saranno racconti prevalentemente meteo che si intrecceranno con ricordi scolastici e comunque di normale vita di un dodicenne.
Devo dire che nel febbraio 2012 ho visto cose turche che probabilmente non rivedrò mai più, però le emozioni e i ricordi del 1991 sono ancora li indelebili e autentici.
Vi meraviglierete infatti di come ricorderò alcuni particolari come se fossero accaduti non 25 anni fa, ma la settimana scorsa.
Vi è anche da dire che le emozioni provate da me nel 1991 sono UNICHE in primo luogo per la mia età di allora già in se spensierata e poi anche perchè fu un periodo meteo vissuto prevalentemente sul campo, senza tante informazioni in "rete" da apprendere con la sola consapevolezza e naturalezza dell'evento in se (questa cosa per molti versi era una grossa fortuna).
Infatti il febbraio 2012 fu molto più stressante con nottate insonni ad aspettare le 4 e 30 per gfs 00 e coronarie che saltavano più volte al giorno in occasione degli aggiornamenti.
I miei ricordi del febbraio 1991 si riferiranno alla città dove ho vissuto fino a luglio 2011: RIMINI.
Da domani si comincia!
Buona serata a tutti.:ciao:

Caldo record nell'Africa australe

Lun, 01/02/2016 - 22:13
L'estate 2015/2016 si sta rivelando finora piuttosto rovente in Sudafrica, Zimbabwe, Botswana, con decine di record di caldo caduti.
Pretoria per la 3° volta in 3 mesi eguaglia il record assoluto
Estate dal caldo mostruoso in Sudafrica, Botswana e Zimbabwe. Decine di nuovi record di caldo - MeteoGiornale.it

Mercalli

Lun, 01/02/2016 - 13:02
Ciao a tutti,
vorrei chiedere la vostra opinione su un articolo uscito su Metro di oggi a Milano che riguarda i commenti sull'attuale siccità al nord espressi da Luca Mercalli.
Io personalmente mi sorprendo per ciò che ho letto, ho sempre stimato Mercalli ma questa volta mi dissocio fortemente dalla sua visione... O debbo pensare che il giornalista ha travisato in maniera anche piuttosto grossolana le sue parole?
Anteprime Allegate  

Himawari-8, immagine satellitare fantastica §

Lun, 01/02/2016 - 11:36
Questo fantastico satellite mostra l'alternarsi di giorno e notte sul Pacifico occidentale, Australia e parte dell'Asia, Antartide e Alaska in un giorno di meta' Agosto 2015. Copre le 24 ore in 12 secondi. In particolare si notano magnificamente i cicloni tropicali nel loro sviluppo e movimento. La visone è simile a quella che avrebbe un astronauta se fosse nei pressi della Himawari-8.
Bloccato su un orbita stazionaria sopra la Nuova Guinea, il satellite prende 144 fotografie del pianeta Terra al giorno, tre volte in più dei sui predecessorie con il doppio della risoluzione. Le immagini mostrano come i sistemi meteorologici si evolvono, e aiutano i previsori a sviluppare modelli migliori dell'atmosfera terrestre.
Purtroppo questo nuovo satellite giapponese è solo sull'emisfero Pacifico.
NOAA e NASA lancieranno un satellite meteorologico avanzato simile, il GOES-R, il prossimo marzo. Il satellite avra' immagini sia del Pacifico orientale che dei Caraibi e seguirà i sistemi meteorologici che si muovono verso gli Stati Uniti.

Glittering Blue

http://www.nytimes.com/interactive/2...utes.html?_r=1

1 e 2 Febbraio 2016 (Anticipo di Primavera ??)

Lun, 01/02/2016 - 00:47
* 1 e 2 Febbraio 2016 (2 giorni di Primavera anticipata sull'Italia) *





Lo spostamento dei massimi dell'anticiclone azzorriano misto a componente sub-tropicale sulla nostra penisola,porterà ad un netto incremento delle temperature.
Sia in quota che al piano.
Domani 1 Febbraio la scarsa nuvolosità bassa di disturbo,presente solo quella delle alte quote,permetteranno al sole di scaldare bene il terreno.
Sono attese temperature per lo più primaverili,valori fino a + 20-24° su Romagna,Marche,Abruzzo,Molise e nord Puglia.
Fino a + 19-21° sulla Sardegna orientale.
Fino a + 21° su basso Piemonte,Lombardia ed Emilia Romagna appenninica.
Idem sulla Toscana,sopratutto su FI,LI e GR.
+ 20-22° possibili anche su Basilicata,Sicilia e Calabria.





Martedi 2 Febbraio,stessa situazione ma con temperature più alte solo sulle regioni del sud Italia,altrove l'arrivo di infiltrazioni umide da NW con annessa nuvolosità,porteranno ad una situazione meteo più umida e meno calda.





* I valori di massima sono stati calcolati da me.


* Mercoledi è attesa una nuova perturbazione con netto calo termico.

ps: Se volete spostare il messaggio,fate pure.






Fabrizio Reali Fabri93 ©

Ragazzi mi potete aiutare.....

Sab, 30/01/2016 - 21:13
Vi ringrazio 1000 volte in anticipo, sto preparando il test da pilota privato per elicotteri. Mi fate capire come faccio a risolvere questa domanda, la logica. Grazie ancora!!! Anteprime Allegate  

Febbraio 2016:anomalie termiche e pluviometriche

Sab, 30/01/2016 - 09:35
Così un anno fa:
Febbraio 2015:anomalie termiche e pluviometriche
Febbraio più o meno in media 71/00 sul quadro Italia ma generalmente sottomedia al sud,seppur non in modo eclatante e per effetto di una sola breve ondata di gelo(qui ha nevicato ai primi del mese fino al piano);seconda metà del mese abbastanza mite ovunque ma senza scaldate notevoli.
Molto peggio nel 2014,con un febbraio che è stato il più mite del dopoguerra in varie zone del sud(al nord no perché il 1990 ed il 1998 restano difficili da eguagliare).
Di altra pasta il febbraio 2013,abbastanza freddo ovunque ma soprattutto al nord.
Il febbraio 2012 non ha bisogno di commenti,mentre il febbraio 2011 chiuse leggermente sopramedia sul quadro Italia,nonostante una sfreddata non irrilevante nel finale ma che prese solo il CS.
Insomma,nella disperazione generale del sopramedia pressoché costante degli ultimi anni febbraio bene o male non ci ha tradito neanche in questo decennio(tolto il 2014 che al sud è stato un appendice della successiva primavera).

Io e la neve, una lunga storia

Gio, 28/01/2016 - 23:56
Una storia particolare si.
Tutto cominciò nel 1985 e 1986, nevicate che feci appena in tempo a vedere (4 anni e mezzo la prima, 5 e mezzo la seconda), che penso che hanno proprio generato la Passione per la meteo (oltre ai temporali).
Passata quegli anni, la nevicata fu spesso cercata, ma con tante delusioni per ovvie ragioni.
Ricordo una mattina dell'epifania del 1987 (o del 1988), memore di alcuni anni prima, che mi svegliai di scatto e andai in finestra che volevo vedre la neve, mia madre rise: "ma non c'è la neve!".
Mi ero in seguito già imparato a vedere le previsioni su Raiuno ogni tanto, per sapere se avrebbe nevicato il giorno dopo (e così imparai anche alcune nozioni semplicistiche sul come può nevicare), però niente, la neve non arrivava.
In maniera imprevista, la mattina del 6 febbraio 1991 ritornò, fummo svegliati per andare a scuola, mia madre tornò subito in camera e disse a mia sorella che faceva la neve, scatto fulmineo in finestra.
Fioccava.
Ci si sposta per la colazione in cucina, sempre con lo sguardo alal finestra, c'era vento, la neve intanto intensifica, fa pure il lampo e il tuono, un lieve accumulo sulle auto e sugli alberi (ero nella parte della città interessata di meno, Roma nord fu interessata di più), in estasi.
Memore di quanto successo 5 anni prima, aspettavo un evento simile.
Avevo una visita quella mattina, ricordo che andammo tra pioggia che si alternava a bei fiocconi.
Ma il sole che uscirà dopo un po', farà terminare la magia.
Negli anni successivi, nonostante ci furono buone ondate di freddo, la neve non arrivò, solo pochi fiocchi mezzi sciolti il 4 gennaio 1993 (la perturbazione passò più a sud, sopra Napoli), con cielo giallo-bianchiccio, mentre il giorno prima avevo visto dalle trasmissioni calcistiche la bella nevicata di Cagliari, delusione.
Ogni tanto dicevo che volevo la neve come nel 1985, mia madre non era contenta, poichè è abruzzese, è diceva spesso che non sapevo che significava, e raccontava delle bufere a Pescina(AQ), come un qualcosa di tremendo, dove si rimaneva isolati ecc.
Nel 1995 ci sperai, l'ondata di freddo durò 20 giorni quel gennaio, e dai tg arrivavano immagini che era scesa in posti anche inusuali specie tra Puglia e Calabria, ma niente, solo pochi fiocchi in alcuni quartieri il giorno 16 (mi pare).
L'anno dopo fu l'anno del burian di fine dicembre, la neve fece la comparsa (cercavo spesso di vedere i tg per vedere i servizi della neve) anche stavolta in zone inusuali, come le coste pugliesi e non solo.
Ma anche qui andò male, solo la sera del 28 dicembre ci fu la nevicata da sovrascorrimento a fiocchi radi prima di mezzanotte.
Mia sorella che rientrava da casa di una vicina: "a Ste sta a nevicà", mi precipito alal finestra, sfiocchettava, mia amdre stava già in camera, "a maaa sta facendo la neveee!" "Ma dove", e va in finestra.
alla fine girerà a pioggia la mattina dopo (ancora una volta, si era troppo a sud dalal resistenza del freddo) con solo cmq un velo sulle auto e sui quartieri alti anche sulla strada, mentre a Civitavecchia, Santa Marinella, ma anche Ladispoli e Passoscuro continuò a nevicare.
Bisognerà attendere il 1999 per vedere fioccare di nuovo.
Quella mattina dell'11 febbraio (già la sera prima avevo visto era un po' freddo e verso le 22 rasserenò, e mi dicevo chissà se domani..., dato che avevo letto Firenze 1°C neve), esco dal portone, vedo l'asfalto bagnato, e dico: "non fa tanto freddo", vedo dalle pozzanghere che piove debole, ma mentre vado avanti, non sentivo le gocce in faccia, mi giro d'istinto verso il lampione e sorpresa: cadono i fiocchi.
Vado avanti e la nevicata si intensifica, rovescio di neve.
In estatsi per la sorpresa, entro in un bar vicino e dico alla barista che fiocca, quella mi dice che lo vede, dopo un po' gli faccio cenno è dico che sta attaccando (sembrava, ma non ci riusciva), quella mi dice "no ma daverooo?".
Vado a scuola e nevica a fiocchi piccoli, ma senza accumulo, il professore spiega ma non me lo filo, mi alzo ogni 10 minuti a vedere, e qualcuno farà altrettanto.
la nevicata prosegue ora a fiocchi piccoli, ora a fiocconi (minima 1°C poi vidi lasera, segnalò Caroselli che disse: "stamattina breve episodio nevoso sulla Capitale".
nevicò, sempre senza accumulo, anche dopo cena.
Come dissi prima, mia madre è abruzzese, e nonostante ciò, non avevamo la casa di proprietà ma solo quella di alcuni parenti (i nonni erano morti da tempo, quando ero appena adolescente), per cui non cia ndavamo spesso, e la neve non la vedevo nemmeno lì.
Solamente 2 volte è capitato di vedere una nevicata a casa degli zii, il 23 gennaio 2000 e l'8 dicembre 2003, entrambe nevicate di alcuni cm di accumulo.
Con l'era internet, attorno al 2002, scoprì come sapete che c'erano tantissimi appassionati della meteo (e della neve).
Essendo in una città dove la neve cade poco, mi inizio a documentare su tutti i posti nel mondo dove è rara o molto rara, o se in quel posto ci ha mai nevicato, quando è avvenuta l'ultima ecc.
Veniamo al 23 gennaio 2004, frequentavo l'università all'epoca (fisica dell'atmosfera, che poi in seguito lasciai per chimica), esco la mattina ed era molto freddo (-3°C Roma Urbe, 1°C Fiumicino), era gà stata data la possibilità di una sfiocchettata sui forum (mi ci ero iscritto da pochi mesi), vedo in cielo nubi correre da ovest, all'alba, e speravo che facessero presto perchè non volevo che uscisse il sole epr far rimanere l'aria fredda.
All'uni stavo in tensione, sul fatto se avrebbe nevicato o meno.
Poi un amico riceve una chiamata da un tizio di Pomezia che gli diceva che fioccava, io ho un mezzo infarto, allora me lo passa: "che vedi? Come sono i fiocchi".
Poi verso le 11:30 la alezione terminò mancava il prof, sul bus stavo con 2 che studiavano con me e iniziamo a vedere i primi fiocchi, stavamo arrivando all'Anagnina, dovevo stare sotto la metro e stavo agitatissimo, perchè dovevo stare sotto e non potevo vedere nulla.
A Termini per il cambio di metro non resisto ed esco: non fioccava!
Ma vedevo verso ovest il cielo più cupo.
A Piramide poi, la metro finalmente sta in tratta scoperta, e ecco i fiocchi leggiadri che svolazzano, fiocchi piuttosto grandi, tuttavia per la temperatura leggermente positiva, non accumulava, ma andava bene pure così (stavolta fui nel quartiere che nevicava di più, tanto che durò fino alle 14:30, poi girò), nevicata stile padano, da cuscino freddo.
Ci furono altre ondate in quell'inverno, molte dal Rodano, ma non si andò oltre il graupel.
Veniamo all'anno successivo, il 18 gennaio iniziò una serie infinita di discese artiche, e la notte del 27 scese una debole nevicata su Roma, ma come altri meteofili, completamente persa!
Delusione e rabbia totale, nessuno il giorno prima prevedeva che nevicasse e il cielo fino all'1 di notte era sereno.
Ci furono molte altre volte quell'inverno in cui ci andò molto vicina, ma faceva qualche fiocco in mezzo alal pioggia, e spesso poi la notte faceva 0°C, magari anche con cielo molto nuvoloso, e poi il pomeriggio cominciava a piovere con 4-5°C!
I Colli Albani in quelle settimane erano sempre bianchi, mai visti bianchi per 40 giorni di fila come quella volta.
Dal 2006 al 2008 non ci furono emozioni particolari, avendo i forum, anche io stavo molto a lungo quando altrove in Italia nevicava, come era sempre un emozione vedere altri che stavano sotto enormi nevicate (come il 26-27 gennaio 2006), dentro me cominciava a serpeggiare la rassegnazione che tanto la città come quando ero piccolo non l'avrei mai più vista, oppure quaqlche spolverata.
Delusione anche il 28 dicembre 2005, fu sempre pioggia, anche se nel pomeriggio pioveva bene con 4°C (nevicò per 40 minuti senza accumulo solo a Ciampino), mentre fu buona neve a Pisa, ed ero cmq contento eprchè avevo saputo (dal forumista Piro in maniera dettagliata) che la neve era anche più rara che a Roma.
Fino al 2010 non ci furono poi grandi emozioni, se non di nevicate mancate.
Però, come dicevo prima, , mi emozionava se la neve cadeva in una zona del mondo dove era rarissima, tanto che quando ce n'era la possiibilità andavo avedere i dati in tempo reale su quella zona, mi chiedevo a volte se quel posto l'avrei visto con la neve.
Il 9 luglio del 2007 fu particolare, sapevo che la neve a Buenos Aires era rarissima, tanto che dopo il 1918 non si era più vista, quel giorno vidi però già che nevicava a Cordoba e a Catamarca (e lo segnalai sui forum), dove non succedeva da 32 anni, e dssi, chissà se mai..
poi vidi c'erano 4°C con cielo sereno, ma dopo un'ora 4°C cielo nuvoloso, dopo 2 ore 2°C pioggerella debole, e mi dissi "uh cacchio!", e tifavo perchè la vedesse.
Alle 15 locali aereoporto Ezeziza già metteva neve, ma in città ancora no, pioggerella congelantesi (che poi seppi che cmq era già mista), alle 16:30 locali lessi 1°C neve, esultai, fui tra i primi a dare la notizia sui forum, andai da mia madre: "a ma', se ero nato a Buenos Aires avrei visto nevicà per la prima volta", e lei:"perchè non ha mai nevicato?", io"era da 89 che non succedeva", il giorno dopo vidi i servizi al tg e i video di youtube.
Allora mi dissi che volevo vedere nevicare anche in altri posti dove era rarissima, fui accontentato su molti negli anni successivi.
Nel 2009 infattì nevicò a Bahia Blanca sempre in Argentina (dopo 44 anni) e a san Salvador de Juyuy, (1920 e 1950).
Poi Baghdad 2008 (99 anni), Johannesburg e Pretoria nel 2012 (1981), Hobart 2015 (1986), Katmandu 2007 (gennaio 1944), Curitiba 2013 (1975), Ghuangzou (2016).
Ma veniamo al 2010, fino ad allora m'era pervaso un senso come se io non la dovessi più vedere come la vedevano gli altri.
I giorni prima i modelli inizano a delineare la possibilità, ma mi dico che finchè non vedo, poichè penso che qulcosa andrà storto per fornza e non farà.
Mi dicevo: se vedo nevicare a Sanremo e sulle coste sarde allora ci spero.
Ebbene, ore 15 inizia la nevicata a Sanremo, alle 18 si vedono i fiocchi ad Alghero, mi dico: "ce la può fare!", ma l'ansia pervade.
Le cose poi andranno per il verso giusto, la goccia artica si mette nella giusta posizione, e aiutata dai geopotenziali bassi, provoca la nevicata atanto aatesa,
Oscilalva tra pioggianeve e solo neve, esco con la macchinetta fotografica, la neve attecchisce nonostante la temperatura leggermente positiva, cessrà dopo un'ora abbondante, contentissimo, l'incantesimo si era rotto, ma non nera finita, mentre mi avvio verso il centro, il cielo si incuspisce, arrivo al Circo Massimo che iniziava a fioccare di nuovo, sempre più forte, un lampo accecante suarcia il cielo,m seguito da un tuono fragorosissimo, temporale nevoso, le strade iniziano a capitolare, lo si sperava ormai, lo si poteva dire:"ce l'ha fatta", vado in giro a fare foto, la gente è felice.
Ma in dicembre quell'anno mi riserverà un'altra sorpresa, la neve con lo scirocco, non pensavo mai di poterla vedere.
Minima a Roma Urbe il 17 dicembre di -5°C, le nubi iniziano ad arrivare all'alba in quel momento.
Sui forum si discuteva nevicherà si o no, le precipitazioni tardavano e si temeva per la colonna d'aria, ma nonostante lo scirocco, il gelo resiste, e la neve dopo mezzogiorno iniaiza a farsi vedere, va a tratti, ma dalle 13:30 diviene fitta, resterà fino alle 14:30, con leggero accumulo.
Pensavo fosse impossibile veder nevicare con lo scirocco, ma era successo.
Diedi un 9 a quell'anno di voto.
POi arrivò, come sapete, il top, il 2012.
La sera del 2 pioveva, la temperatura era bassa (il PC era purtroppo rotto, per cui non potevo seguire bene sul PC e sui forum, se non dai point) e mi dicevo girerà si o no?
Alle 2 del 3, però girò, eccoli i fiocchi che si delineavano ai lampioni.
Veniamo al giorno 3, piove di mattina, ci sono 2°C, dai tg arrivano dopo le 12 immagini dal centro storico, nevica! E da me piove!
Delusione.
Poi alle 13:30 eè neve anche d ame, ma adifferenza che nel resto della città, non attacca, poi di nuovo pioggia.
Alle 23, dopo una pausa di alcune ore, inizia qualche fiocco grande.
Si intensifica piano piano, e dico a mia madre: "a ma, cadono farfalle di fuori, viene a vedere pure lei"
Si infittiscono e diven+gono più picocli, c'è vento moderato da nordest, nevica a larghe falde ora, la nevicata prosegue: 0:30, l'1:30, il paesaggio diviene candodo, il cielo rosso fuoco, lo potevo dire: "è storia", la nevicata proseguirà fino a oltre le 5 del mattino, il giorno dopo all'alba un paesaggio nordico, tutto bianco sotto almeno 10 cm (il quartierie meno colpito era stato il mio), il 1985 tanto sognato, era tornato.
La neve rimase anche nei giorni successivi, e il venerdì successivo rifece di nuovo, mista a pioggia (la sera rovesci nevosi intensi invece, con alcuni cm di accumulo).
Sofddisfatto, strabiliante.
Ma un solo cruccio, avevo visto nevicare sempre di notte, ma sarò accontentato anche lì, il giorno 11 dal mare entrano nubi temporalesche, all'inizio è pioggia, ma poi neve forte a grandi fiocchi, altri 3-4 cm.
La grande nevicata del giorno 4, ha una curiosità.
Nel luglio dell'anno prima, scomparve mio padre prematuratamente, il 4 febbraio era il suo compelanno.
A volte penso che è stato un suo regalo, sapeva quanto ci tenevo.
Spero di non avervi annoiato

11 Gennaio 2016 (Tutti i dati della tempesta di vento qui..)

Mer, 27/01/2016 - 20:21
Mi scuso per il ritardo.


Per l'analisi sinottica di quel giorno vedere mio topic: '' 11 Gennaio 2016 (Lunedi italiano da tempesta ??) ''


Vi metto una gif della situazione di allora:





Tempesta di vento da W e SW,ecco i dati.


Emilia Romagna,Croce Arcana (MO):


238.2 km/h orari che è secondo i dati che ho analizzato il valore più alto a livello italiano di quel giorno.





Toscana:


LU:








LI:











PI:





FI:





GR:








AR:





SI:





Poi ho avuto notizie di altri dati rilevanti sul centro-sud Italia vi prego di inserirli nel post.






Fabri93

[Per la serie freddo inusuale] Beh in Egitto pure...

Mer, 27/01/2016 - 17:05
Non è che faccia tutto sto caldo :-D

Per non parlare dell'Iraq :-D



qui addirittura la -5 tocca l'Arabia saudita, non mi ricordo se sia successo in passato

Anteprime Allegate    

26-27 Gennaio 2006: Freddo e la Grande Nevicata.

Lun, 25/01/2016 - 15:47
26-27 Gennaio 2006: Freddo e la Grande Nevicata.
(Visto che ormai in Inverno si vive di ricordi del passato.)
Esattamente 10 anni fa domani, dopo giorni freddi iniziava la Grande Nevicata: 48 ore di Neve continua.
Questi alcuni scatti ma la Neve sarebbe continuata ancora per ore.


Anteprime Allegate      

Giappone settentrionale 2016

Dom, 24/01/2016 - 12:20
Con considerevole ritardo ma è ora di dare un aggiornamento alla situazione giapponese visto che a quanto pare, dopo un inizio deludente, l'inverno sta iniziando a fare il suo mestiere anche lì.

Situazione attuale: un fortissimo anticiclone sulla Mongolia-entroterra cinese sta inviando verso la Cina e il Giappone una intensa discesa di aria gelida di estrazione siberiana.



Mentre in Cina si stanno raggiungendo picchi termici localmente storici, come del resto intuibile dalla mappa postata che vede la -15 a latitudini corrispondenti all'Egitto settentrionale, in Giappone, pur non essendo stato centrato in pieno dalla colata, ha visto un'ondata fredda e nevosa decisamente buona.

Condizioni attuali (aggiornato alle 19 locali).

Asahikawa -9, cielo parz. nuvoloso, 40 cm di neve al suolo
Otaru -6, cielo coperto, 57 cm di neve al suolo
Sapporo -6 cielo coperto, 53 cm di neve al suolo
Esashi (più a sud) -2, cielo coperto, 23 cm al suolo.
Wakkanai (punta NW dell'Hokkaido), cielo coperto, -8 e 34 cm al suolo.

Ora vado a pranzo, poi aggiorno con previ e webcam. ;12:

Clima attivitasolare.com

Sab, 23/01/2016 - 12:06
Conoscete il sito Attività solare ( Solar Activity ) : Attività Solare ( Solar Activity ) ?
E' in spiccata controtendenza rispetto al riscaldamento globale, contro ogni attuale evidenza.
Cosa ne pensate?

Pierluigi

Futuro alluvionale per il nord? primavera o estate 2016?

Sab, 23/01/2016 - 12:04
Di solito dopo periodi di lunga siccità arrivano episodi/periodi molto piovosi... prepariamoci
Questo 2015 inizio 2016 stiamo ancora pagando la troppa pioggia del 2014 secondo me
Qui al nord-est il 2014 ha piovuto il doppio del 2015

Seconda parte invernale (Febbraio e Marzo 2016),come potrebbe essere ??

Ven, 22/01/2016 - 23:54
Seconda parte invernale (Febbraio e Marzo 2016),come potrebbe essere ??


Dopo l'ondata di freddo che ha colpito la penisola (dettata dal passato forte warming troposferico) i giorni scorsi con anche neve a bassissima quota su parte del Centro-sud,sopratutto lato Adriatico,ci avviamo verso un periodo più o meno lungo contraddistinto dal ritorno della ZON ALTA.
Anticiclone disposto quindi sui paralleli a disturbo della continua attività depressionaria sull'Est Europa,responsabile del freddo e del gelo in tali nazioni.
Tra il 23 Gennaio e il 5 Febbraio (data finale molto indicativa,da prendere con le pinze) per noi terreni il tutto lo potremo vedere con un clima piuttosto stabile,possibili inversioni termiche,brinate,calduccio sui monti e quando non ci sarà nebbia,caldo anche al piano.
Non dovrebbe essere quindi un dominio di HP,assoluto ma addirittura potrebbero esserci pure qualche blanda perturbazione,sopratutto verso fine mese.


Ecmwf 12z odierno:





AO,NAO (gif):


Il tutto lo vediamo poi ben spiegato dal ritorno in campo positivo dell'AO index e della NAO,ciò sta a significare un nuovo approfondimento del vortice polare.





NAM:


VPS ancora freddo testimoniato dal NAM che ritorna a + 1.5





Nuovo approfondimento del vortice polare con stratosfera fredda,diretta poi alla troposfera,ST.
Aumento venti zonali e breve calo dei flussi.
Anche se il tutto non è pulito pulito,perché gli stessi rimangono ancora ben attivi,vedere mappa fluxes sotto.
____________________________________________________________ _____________________


Fluxes,Waves,Temperature (gif):


Ora però ciò che importa veramente è il proseguo.
Tenendo assodato o quasi (ancora non si può dire con certezza la fine) questo periodo anticiclonico che ci attende,verso fine mese,inizio Febbraio 2016 è previsto un possente calo dei venti zonali stratosferici,ripresa notevole dei flussi (geop. heat),EPV più convergente al polo,temperature polari in rialzo e maestosa riattivazione della wave 1.





Tutto con nuovo calo di AO e NAO,che vi ho già postato nella gif sopra relativa.


Zonal Temperature,Wind & normalized GPH Anomalies:


Visto gli indici analizzati teleconnettivi analizzati sopra,ho provato a trarne una mia proiezione a colori.











Sono attesi quindi nuovi warming al vortice polare,uno anche molto intenso,lungo,stavolta,tutto il suo piano isobarico e non uno solo.
Da valutare e molto importante sarà l'intensità del warming più forte previsto verso fine mese,inizio Febbraio,(Major W,Minor W,SSW o MMW),durata e sopratutto il tipo che al momento sembrerebbe più displacement che split.
Il Lamma decreta e parla chiaramente attraverso i suoi forecast che lo stesso potrebbe essere molto più che un semplice Minor W:





Tanto che per la prima volta in quest'Inverno salgono le quotazioni del Major W.





Al tipo (split,displacement) del W sono legate strettamente le nostre sorti da terreni italiani.




In breve cosa potremo aspettarci a fine mese,Febbraio e Marzo 2016 parlando di stratosfera e troposfera (Teleconnessioni) ??


VPS (Vortice Polare Stratosferico) che come detto rimane freddo e poco disturbato almeno fino ai primi di Febbraio 2016,raffreddamento che dovrebbe coinvolgere parzialmente anche la troposfera,con NAO e AO in ripresa,relativo clima anticiclonico con ZON ALTA su noi italiani nel medesimo lag temporale.
Il tutto mentre l'azzeramento parziale dei flussi (heat. geop.) non sarà poi cosi evidente (warming in corso),un rinvigorimento del VP non pulito quindi,come quando parti per un viaggio con metà serbatoio (per fare una similitudine :D).
Da fine mese-primi di Febbraio (come detto sopra data indicativa,non definitiva) è previsto un forte calo dei venti zonali,con ripresa maestosa della 1 onda planetaria (wave 1),flussi di calore,potente warming (da valutare il tipo),EPV stavolta più convergente sui 90° N ed incisivo.
Un nuovo disturbo del vortice polare e stavolta non solo in troposfera ma anche in stratosfera (coupling strat. trop. - accoppiamento),quindi molto intenso e forse deleterio.
Ecco perché mi sono sentito di comprendere anche marzo.




E Allora ?? Per noi italiani ciò cosa potrebbe significare riguardo fine mese,Febbraio e Marzo 2016 ??


Le nostre sorti come detto sono legate strettamente all'eventuale tipo del successivo forte warming (riscaldamento) atteso verso i primi di Febbraio.
Se fosse di tipo Displacement: bisognerà vedere quale direzione prenderà,l'eventuale rotazione dell'asse principale del VP.
Se fosse buona,allora potremo giocarci nuove ondate di gelo continentali dopo aver visto un graduale svuotamento di vorticità sul Nord-Atlantico con blocco azzorriano,stavolta con maggior coinvolgimento delle regioni Tirreniche,in top sempre le Adriatiche. (Febbraio 2012 fu' un esempio estremo)
Se fosse media (Asse VP che si getta in Atlantico,east coast),potremo avere un bel periodo perturbato con qualche ingerenza anticiclonica,clima simil autunnale.
Se fosse cattiva (Asse VP sull'Est Europa) potremo avere un clima freddino,secco ma anticiclonico,tipo quello che ci attende a breve.
Se invece fosse di tipo SPLIT quindi un Major W,SSW,bisognerà vedere quale direzione prenderanno i due lobi divisi dal warming.
Marzo è stato incluso perché il periodo di warming al VP potrebbe portare ripercussioni sulla sua attività,anche nel mese primaverile.


In ogni caso,comunque andrebbe,non si può negare che la situazione prevista sia alquanto interessante,non solo in stratosfera,ma anche troposfera e sinceramente non penso che non cambi qualcosa anche per noi italiani.




Fabri93

Pagine