Forum MeteoNetwork

Subscribe to feed Forum MeteoNetwork Forum MeteoNetwork
Aggiornato: 3 ore 8 min fa

Dicembre mite e piovoso

Sab, 15/11/2014 - 09:05
Questo quello che ci dice il valore molto elevato e positivo della PNA ottobrina.
Come si vede sembrerebbe avere una certa influenza, almeno statistica, sul mediterraneo con un lag di 2 mesi circa


mi son quindi preso la time series dei valori PNA, filtrati tenendo solo ottobre, ultimi 30ys, e quese sono le due statistiche descrittive
Mean -0.075
Std Dev 0.89

Rozzamente ho calcolato due intervalli di confidenza come media+- sqm trovando quindi -0.97/0.825


Il 2014 ha chiuso ottobre a 0.89 quindi piu di una dev standard oltre la media. Mi son quindi andato a vedere quanti anni negl ultimi 30 hannio varcato questa soglia. Sono 4 e molto interessante tutti negli anni 2000 (something changed?). Queste le ankmalie di dicembre che seguono ottobre con PNA>0.825



Sembrerebbe inoltre un pattern NAO- like ;) Anteprime Allegate    

[ADDIO] Andrea Baroni non c'è più

Ven, 14/11/2014 - 00:49
Apprendo la notizia poco fa sul forum del CML da luca93 e ne trovo conferma, purtroppo :(

Tv, morto meteorologo Andrea Baroni - Tgcom24

Che riposi in pace, la meteo italiana perde un altro dei pochi pilastri di questa nostra scienza

Seconda piena del secolo del Lago Maggiore

Gio, 13/11/2014 - 23:38
A meta novembre.. Tanta roba..


Nevicata al piano a più bassa latitudine

Gio, 13/11/2014 - 18:10
Oggi mi è passato per la mente questo strano record, ma ho trovato poco e nulla. Dove e quando è accaduto???

possono essere dell'Ontario

Gio, 13/11/2014 - 17:34



Forum gratis :Ilforumditutti Anteprime Allegate  

Seconda metà di Novembre,nella morsa dell'EUL - (14-30 Novembre 2014)

Gio, 13/11/2014 - 14:09
Seconda metà di Novembre,nella morsa dell'EUL - (14-30 Novembre 2014)





Ormai è chiaro che il nostro mar mediterraneo e noi siamo diventati il centro di un'azione depressionaria in continuo arrivo dal nord-Atlantico con perturbazioni frequenti alternate a leggerissime pause stabile di effimera durata.


Ecmwf:



850 hpa temp.:



Gfs:



850 hpa temp.:



La differenza col passato periodo perturbato (quello di ieri e oggi,visto che non è finito di piovere in alcune zone) è che le saccature in arrivo dal nord-Atlantico stavolta hanno a che fare con un'anticiclone sub-tropicale più ingerente che le dovrebbe costringere non più a gettarsi sul nord-Africa a capo fitto (come prima,LP afro-mediterranee) ma a spanciare coinvolgendo parzialmente lo stesso.


Avremo quindi a che fare con correnti per lo più da W e SW e non più prettamente da S come gli scorsi peggioramenti.
Inoltre tale spanciatura delle saccature sull'Europa centro-W sarà accompagnata da un getto (jet-stream) piuttosto tesa,al piano si dovrebbe tradurre con Ponente e Libeccio belli vivaci,sopratutto sui settori tirrenici e gran parte del Mediterraneo centro-occidentale.








Una bella stirata quindi,come la chiamo io,ma non di quelle anticicloniche,tutto il contrario,una stirata umida,piovosa,nord-atlantica su gran parte del centro-nord penisola.


Il tutto traducibile con l'avvio di un bel periodo piovoso,e più lungo rispetto ai precedenti avuti finora.
Data la configurazione delle saccature previste in arrivo,date le correnti prevalenti che ci dovrebbero attendere,le precipitazioni potrebbero risultare quindi piuttosto intense,anche se meno alimentate dal nord-Africa,dovrebbero essere comunque incisive.
Un classico periodo perturbato nord-Atlantico,i maggiori cumulati pluviometrici li dovremmo avere quindi sui settori Tirrenici,con particolare riguardo alla Liguria,Toscana (sopratutto) e poi Lazio,forse anche la Campania,è sottointeso ovviamente che potrebbe ripiovere molto anche sull'arco Alpino sopratutto orientale e occidentale.



Qui sotto la sommatoria delle precipitazioni previste da Venerdi fino Lunedi prossimo,non definitiva ovviamente:









Per quanto riguarda le criticità idrogeologiche ?? Potrebbero esserci nuovamente ?


La risposta al momento è affermativa,sopratutto come detto sopra nei versanti esposti alle maggiori precipitazioni con correnti da W e SW,inoltre idem per quelle che addirittura risentono di stau con le stesse.
Tali zone le possiamo identificare con la Liguria,Toscana settentrionale (Alta sopratutto) e gran parte di quella centrale,alto Piemonte,alta Lombardia e FVG montuoso.


Ora qui sotto vi metto una cartina riassuntiva,per adesso fino al prossimo Martedi 18,partendo dal 14:











Fabri93

Incredibili (e deletrie) analogie sinottiche...

Gio, 13/11/2014 - 12:41
Vorrei far notare come attualmente ed anche nel prossimo futuro, a livello emisferico le analogie sinottiche e delle principali anomalie a 500 hpa siano PRATICAMENTE SOVRAPPONIBILI a quelle dello scorso inverno........praticamente siamo NELLA STESSA IDENTICA SITUAZIONE SINOTTICA DELLO scorso inverno: wave1 addossata al NW americano, centro est USA sotto bordate del VP, getto sparatissimo in uscita dal nordest USA che, di fatto, trasla la wave 2 sopra le nostre teste , dal mediterraneo alla scandinavia in una sorta di deleteria "congiunzione" con la wave 3........COME SE NE ESCE ???...perchè io concordo sul fatto che i presupposti teleconnettivi sono del tutto diversi dallo scorso anno, a cominciare dalla QBO e per finire all' ENSO, ma è veramente incredibile questa deleteria riproposizione delle anomalie a 500 hpa pari pari a quelle dello scorso inverno!........a mio avviso l'unico modo per uscirne sarebbe una poderosa staffilata nordatlantica che riposizioni la wave 2 in atlantico e che successivamente vada a "chiudere" il tutto con una poderosa rimonta meridiana dal basso atlantico portoghese...






Detto tutto questo, personalmente NON CREDO per niente ad una riproposizione similare all'inverno scorso, nello stesso tempo non mi sbilancio ancora in outlook perchè voglio capire meglio alcune cose ed in primis vorrei capire questa assurda attuale sovrapposizione con le anomalie dello scorso inverno....... Anteprime Allegate        

Immagini Allegate  

Enormi grandinate nel mondo (e per enormi parlo di palle di ghiaccio dal cielo)

Mer, 12/11/2014 - 20:58
Volevo farlo da molto tempo e ora che ne ho la possibilità vi metto una carrellata di video di grandinate enormi trovate su youtube.



Freak hail storm in Dallas, Texas (Belmont Addition area)


https://www.youtube.com/watch?v=_YnmP6Z-GN0





5/5/2006 Seminole Texas Massive Hail Storm Stock Video

https://www.youtube.com/watch?v=VWA_8mtxFnA









Riesenhagel bei Hagelunwetter - 06.08.2013 - Europa


https://www.youtube.com/watch?v=-eZuqeYlLDo







INSANE HAIL STORM IN GEORGIA


https://www.youtube.com/watch?v=cz01FyQS_qw









Insane hail storm.


https://www.youtube.com/watch?v=meS8Y_jeStk









Baseball Size Hail Storm in Dallas, TX 6/13/12


https://www.youtube.com/watch?v=asHyyfH_vU0









Per ora vi lascio con questi,ho ancora un centinaio di video da scegliere e mostrarvi,vedrete i prossimi.




Fabri93

North Annular Mode (NAM) tutto ciò che c'è da sapere,ecco la verità..

Mer, 12/11/2014 - 18:54
In risposta ad una mia domanda fatta nel 2012 ecco che appena entro sul vecchio profilo di G-mail trova ciò:


Buongiorno Sig. Fabrizio.





Il NAM si riferisce a una media anulare (cioè lungo tutte le longitudini) delle anomalie del geopotenziale alle varie quote bariche per l'emisfero boreale. Il numero viene ottenuto poi proiettando sulla prima componente principale le anomalie ottenute.
I valori che trova a fianco sono riferiti alla quota di 10hPa: secondo la letteratura più accreditata su tale argomento è la quota a cui poter fare riferimento per la definizione di Stratwarming o Stratcooling (quando il valore dell'indice supera determinate soglie).


Sperando di aver risposto in modo esauriente alla sua domanda la invito anche a consultare la legenda della nostra pagina che trova al link sottostante.
Glossario previsioni stagionali | Consorzio LaMMA


Saluti.


Francesco Piani del Lamma




Inoltre altre spiegazioni sono disponibili qui: Annular Modes - Introduction








Fabri93

Analisi Inverno 2014-2015 (Come potrebbe essere ??)

Mer, 12/11/2014 - 01:28
Analisi Inverno 2014-2015 (Come potrebbe essere ??)




Il quadro previsionale per quest'anno risulta piuttosto complicato vista anche la precoce comparsa del FW (Final Warming) già a Marzo 2014,dettata dal forte raffreddamento tropo e stratosferico accorso già da Novembre 2013 che ci ha mangiato l'Inverno nei mesi di OND (Ottobre,Novembre,Dicembre),inutile dire che per un'asse del VP (Vortice Polare) sfavorevole a noi,ci siamo ritrovati a vivere un'Inverno molto al di sotto delle aspettative.
Diverso discorso per i nord-americani,le anomalie strato-troposferiche parlano chiaro a riguardo.


Vediamo allora di analizzare subito la situazione prevista con correlazioni con l'anno passato,visto che peggio dello scorso anno,poteva fare solo il 2007 e pochi altri anni nel corso del 2000.




Analisi tecnica con indici teleconnettivi (strat.-troposferici),oceanici,sole + previsione per i mesi di DJF (Dicembre,Gennaio,Febbraio 2015):




Analisi Sole + previsioni:





L'attività solare come si può vedere sopra rimane al momento piuttosto elevata con momenti di High activity (Alta attività) intervallati però a momenti di Low activity (Bassa attività) di durata in genere breve che non supera i 3 giorni,riferendomi al periodo analizzato dal grafico sopra,tutti segnali caratteristici del minimo in corso (ciclo 24).








Qui sopra 2 grafici che mostrano l'andamento solare.
La media delle macchie solari (Sun spot) dovrebbe attestarsi tra 55 e 70 macchie al giorno per almeno tutto il mese di Dicembre,calando gradualmente dagli inizi di Gennaio e per gran parte di Febbraio,attestandosi su livelli inferiori di quelli attuali.





Qui sotto la comparazione dell'attuale ciclo solare 24 con il 21,22,23.







AO,NAO,NAM (index) e altre carte,mappe relative al piano isobarico del VP da 1000 a 0.4 hpa + previsioni:


Per quanto riguarda l'AO index per adesso siamo in una fase caratterizzata da forte negatività dell'indice la quale potrebbe durare con buone probabilità fino alla prima decade del mese di Dicembre con valori medi di - 1 fino a - 3.
AO mediamente negativa con pochissime puntate in campo positivo anche per tutto Dicembre.
Tale negativizzazione dell'AO potrebbe risultare molto evidente nel mese di Gennaio (dove non escludo puntate estreme sotto i - 3),leggermente meno negativa in quello di Febbraio.





La mia proiezione si avvicina molto a questa qui sotto:







Parlando delle anomalie zonali dei geopotenziali normalizzate (65-90 N) le quali ci mostrano la condizione di salute del vortice polare,direi che rispetto all'anno passato siamo un livello molto ben diverso.
Nel corso del mese di Novembre dovremmo vedere colorarsi di rosso tutto il piano del VPT (Vortice polare troposferico) con anomalie positive anche moderate,mentre il VPS (Vortice polare stratosferico) dovrebbe continuare a presentare anomalie negativi deboli o al massimo moderate,sopratutto verso fine mese.
Dicembre con anomalie positive in troposfera e anche gran parte della stratosfera,non escludo e metto in evidenza la possibilità di un forte riscaldamento stratosferico di tipo MW,MMW o SSW proprio verso la prima decade di Gennaio,da vedere se sarà di tipo SPLIT (Divisione) o Displacement (Dislocamento).


Qui sotto i grafici aggiornanti relative alle anomalie sopra citate,c'è il 2013 e il 2014 sotto,periodo di OND:








Gli stessi però a livello annuale:








Qui sotto la previsione di cui parlavo sopra:


Citazione: Originariamente Scritto da Fabri93 Dicembre con anomalie positive in troposfera e anche gran parte della stratosfera,non escludo e metto in evidenza la possibilità di un forte riscaldamento stratosferico di tipo MW,MMW o SSW proprio verso la prima decade di Gennaio,da vedere se sarà di tipo SPLIT (Divisione) o Displacement (Dislocamento).





Per quanto riguarda la NAO,direi che quest'ultima segue in genere l'andamento dell'AO,visto che invece di Artic Oscillation,si parla di North Atlantic Oscillation.
Direi che per il periodo preso in esame (DJF) dovrebbe rimanere mediamente negativa,con solo pochissime puntate in campo positivo sopratutto verso fine Dicembre,valori fortemente negativi nel corso del mese di Gennaio 2015 con puntate estreme fino a - 2.


Qui sotto l'andamento attuale,link autoaggiornante:







Parlando del NAM index direi che dovrebbe seguire l'andamento dell'AO,leggera positività dell'indice con valori fino a 1 nel corso di di Novembre e meno per Dicembre,mediamente in campo neutrale-positivo per il mese natalizio con forte negativizzione sul finire.
Per quanto riguarda Gennaio sono possibili valori fino a - 3 con pesanti anomalie positive.
Febbraio in genere mediamente negativo con valori fino a -1/2.


Qui sotto il link autoaggiornante:







Ci sarebbero poi da analizzare altre mappe relative alla situazione del VP,come ad esempio l'attività delle onde planetarie,andamento del raffreddamento stratosferico,gli zonal wind ecc....
Direi che posso sintetizzare la mia previsione dicendo che il Geop.Flux con annesso Heat flux e EPV dovrebbero rimanere piuttosto inclini a puntate verso l'alto a più riprese,forti sopratutto nel mese di Gennaio,dove tenevo in conto sopra di un probabile evento stratosferico estremo di tipo Major,EPV che dovrebbe iniziare a convergere verso il polo sopratutto verso fine Dicembre,già possibile qualcosa a fine Novembre.
Venti zonali per lo più moderati con forte calo verso fine Dicembre,gradualmente già visibile da fine mese.


Qui sotto metto il link autoaggiornante di flussi:





Temperature stratosferiche in genere al di sopra della norma,leggermente negative e neutrali fino a metà Dicembre,dopo forte aumento.


Metto il link autoaggiornante:







Per quanto riguarda l'attività delle onde planetarie le più attive dovrebbero rimanere la wave 1 e la 2,la wave 1 dovrebbe essere la più attiva,wave 3 debolmente attiva con aumento dell'attività verso fine Dicembre,3 wave pattern probabile a inizio Gennaio,non posto i link in quanto verificheremo alla fine del periodo di DJF.




SAI E OPI index + previsioni:


Il SAI (Snow Advance Index) index di Cohen che è relativo all'andamento dello snowcover ottobrino al di sotto del 60 N è risultato con andamento crescente graduale dai primi di Ottobre fino agli ultimi giorni rimanendo al di sopra del 2013 e del 2007,assimilabile maggiormente col 2012.
Tale andamento crescente graduale lascia trasparire la possibilità di avere un vortice polare troposferico frequentemente disturbato nel trimeste invernale di DJF.
Più l'andamento crescente graduale è concreto dagli inizi alla fine del mese e più sono le possibilità di risentire di un VP con attività Weak and strong Weak.
Diverso discorso se l'andamento crescente non fosse graduale ma discontinuo e addirittura decrescente o neutrale.


Sai index finale:





Per quanto riguarda l'OPI (October Pattern Index),indice innovativo redatto da vari autori di un centro meteo toscano che in pratica costituisce una sintesi numerica dello schema circolatorio che si instaura, a livello emisferico alla quota isobarica di 500hPa, nel corso del mese di ottobre e mostra una correlazione estremamente elevata (r ≈ 0.9) con l’oscillazione artica media del trimestre invernale successivo (DJF AO); ciò implica che, più basso risulta l’indice OPI ad ottobre (valori negativi) e più alte saranno le probabilità di avere un vortice polare disturbato nel corso dell’inverno successivo.


Il valore finale ha chiuso a - 2.12,in particolare si tratta del secondo valore più basso registrato dal 1976 ad oggi, secondo solo all’Ottobre del 2009 (-3.3).
Anche quest'ultimo indice propende ad un trimeste invernale DJF con un vortice polare troposferico (VPT) mediamente disturbato e incline a frequenti incursioni sulle basse latitudini dell'emisfero nord,l'AO medio si dovrebbe attestare su valori negativi e molto negativi come dicevo sopra.










ENSO,MJO,SSTA oceaniche + previsioni:

Parlando dell'ENSO (El nino southern osclillation) direi che ormai le previsioni consolidano in una debole-moderata attività dello stesso in tutti i suoi settori (1+2,3,3.4,4),positività leggera per DJF nei settori 3,3.4 e sopratutto 4,debolmente positivo nel settore 1+2.
L'anomalia del mese di Ottobre nel settore 3.4 si è attesta sui 0.8°C,0.7-0.8°C anche nei settori 4 e 3,intorno a 0.2°C nel settore 1+2.


Grafico autoaggiornante:





Parlando della MJO (Madden Julian Oscillation) le fasi prevalenti durante il trimeste invernale dovrebbero essere la 1,7 e 8,segue molto l'ENSO.







Parlando delle SSTA (Sea Surface Temperature Anomalies) oceaniche direi che per il nord-Atlantico ormai l'azione depressionaria avuta ultimamente potrebbe durare almeno fin verso metà mese per poi riprendere nel corso della prima quindicina di Dicembre,divenendo pian piano sempre meno attività ma comunque presente in tutto il trimetre DJF,questo dovrebbe comportare ad una buona attività della wave 2.


Link autoaggiornante:











In breve come potrebbe essere il prossimo Inverno 2014-2015 nei mesi di Dicembre,Gennaio e Febbraio sull'emisfero nord e l'Italia ??


Il trimeste invernale come detto dovrebbe vedere un vortice polare frequentemente disturbato da warming di varia natura (Upper e Major) con piano isobarico del VPS-VPT contraddistinto da anomalie positive anche forti nel mese di Gennaio che poi potrebbero essere la conseguenza di forti riscaldamenti stratosferici anche estremi (SSW,MMW o forte MW) di cui al momento vi è una alta probabilità di realizzazione visto il quadro isobarico del VP attuale.
AO e NAO negative,sopratutto la prima anche fortemente,con NAM contraddistinto da valori per lo più negativi,attività solare tra il debole e il moderato con andamento a singhiozzo in lento calo da J.
Enso tra il debole il moderato con buona attività della MJO 1,7,8.
L'Inverno potrebbe quindi vedere un vortice polare disturbato con frequenti incursioni gelide anche di grossa portata (-20,-24° a 850 hpa) sul nord-america e sulla Russia,buona attività dalla wave 1 come detto e attivazione della wave 3 con anticiclone termico russo ferreo sopratutto da Gennaio (J).
Sull'Europa Inverno per lo più freddo ma molto piovoso,sopratutto sul Regno Unito e comparto Scandinavo con frequenti tempeste (minimi pressori profondi),più freddo e secco sull'Europa orientale.
Mentre sul Mediterraneo e quindi noi dovremmo risentire di caratteristiche intermedie,con un Dicembre piuttosto piovoso e nella media termicamente su buona parte della penisola,mentre sulle adriatiche risulterà leggermente più sotto media sia per piogge che per temperature con probabili eventi gelidi e nevicate a quote relativamente basse (400-200 mt),forse anche sul mare,tra il 25 Novembre e il 15 Dicembre.

Gennaio dovrebbe risultare più freddo e secco ovunque con incursioni fredde anche di grossa portata (-18/20 a 850 hpa sulla Russia europea) sull'Europa orientale con coinvolgimento parziale della nostra penisola ma piuttosto generale,buona attività del dinamico russo e non escludibile a priori episodi di burian,possibile poi anche un solo evento gelido di grossa portata,sopratutto tra il 10 e il 25 del mese,in tal caso l'ipotesi di neve al piano non è da escludere sopratutto su Adriatiche e centro-nord.
Febbraio dovrebbe risultare piovoso e moderatamente freddo ovunque (in penisola) con qualche interazione tra aria fredda continentale e quella nord-atlantica/artica sopratutto nella prima 15 ina del mese sul mediterraneo,probabile più di un'evento con neve al piano o quote collinari (300-200 mt) al centro-nord,gran freddo ancora sull'est Europa.

Volendo infine parlare di Marzo 2015 ci sono concrete possibilità di vedere un mese invernale nella prima parte (15ina) sull'Europa centro-orientale e meridionale freddo e secco,con alta possibilità di un'evento nevoso,gelido forte sull'est Europa,centrale e sul mediterraneo con termiche fino - 16 a 850 hpa sulla zona Balcanica..
Seconda quindicina piovosa su Europa centro-occidentale e meridionale.




Perché qualche link e mappa sono auto-aggiornanti ??


Proprio per verificare la veridicità,se ci sarà, della mia analisi.




Visualizzazione:


Consiglio,visto i link autoaggiornanti di leggere l'analisi su un pc di casa o portatile con buona banda larga,adsl,wifi,wireless ecc..






E' bene ricordare:


Che la mia analisi va presa solo per puro spunto informativo e non come certezza,perciò è molto probabile che sia completamente sbagliata,completamente esatta oppure in parte corretta e sbagliata o viceversa.
Non si parla di futuro concreto (certezza),si parla di condizionale (probabilità),tutto assimilabile alla parola previsione.











Analisi a cura di Fabrizio Reali (su FB),Fabri93 (sui forum meteo).


E' perciò vietato l'utilizzo commerciale della stessa e la condivisione su altri forum o siti meteo senza esplicito consenso dell'autore,vige in diritto di copyright massimo.

Le LP atlantiche con minimi secondari mediterranei...

Mar, 11/11/2014 - 22:15
Sulla scia del precedente TD, apro questo in virtù di un leggero cambio di circolazione, quanto basta per non avere quei pericolosi affondi del getto in pieno Nordafrica responsabili di tutto ciò che sono le cronache degli ultimi tempi.

Dicevo della nuova circolazione contraddistinta da LP oceaniche con minimi secondari mediterranei, essa ha la differenza rispetto alla circolazione che ci stiamo per lasciare alle spalle di essere più mobili.

Sono considerate comunque per tutti quei territori esposti alla circolazione dal 3° quadrante, al secondo posto come tipologia di LP più produttiva in termini precipitativi, esse difatti portano precipitazioni in generale moderate-forti, sono più estese, quindi meno convettive, e possono comunque portare cumulati abbondanti nei settori più esposti.

Questo tipo di circolazione vede un alternarsi di giornate variabili-soleggiate ad altre perturbate-instabili.

La caratteristica di questo tipo di circolazione vede l'avvicendarsi delle perturbazioni, se da un lato gli accumuli non raggiungono valori straordinari come con le LP afro-mediterranee, dall'altro però il ripetersi delle perturbazioni porta alla saturazione dei terreni e all'innalzamento delle falde, rendendo così il territorio esposto un po' più vulnerabile del solito, alle successive perturbazioni.

Venendo alle cartina illustrativa, sono già in programma 3 passaggi, il primo domani (mercoledì) che aggancerà la saccatura tutt'ora presente in Italia facendola risalire verso nord, poi il secondo sabato e infine il terzo per lunedì, poi vedremo in seguito se si chiuderà la fase come sembra con le carte di stasera... :rolleyes;

Nel dettaglio la cartina mostra la LP atlantica contraddistinta da quella grande ruota gialla, mentre la piccola V che vediamo sulle Baleari è il minimo secondario mediterraneo. :ciao:

Anteprime Allegate  

Pagine