19.05.2018 - Associazione
MeteoNetwork al convegno “Meteorologia e Comunicazione”

In un periodo in cui si parla tanto di fake news è importante fare chiarezza, anche negli aspetti riguardanti la meteorologia”. Partendo da questo presupposto e da un’affermazione da noi più volte condivisa e rilanciata, l’Associazione MeteoinMolise e l’I.I.S S. Pertini hanno organizzano il convegno “Meteorologia e comunicazione: dai modelli matematici alla previsione“, che si è tenuto, sabato 19 maggio 2018, presso l’Auditorium di Campobasso, con le autorevoli partecipazioni di:

  • Ten. Col. Daniele MOCIO (Aeronautica Militare);
  • Col. Sergio PISANI (A.I.S.A.M.);
  • Col. Mario GIULIACCI (Meteo Giuliacci);
  • Dott. Silvio DAVOLIO (CNR-ISAC);
  • Dott. Massimo Enrico FERRARIO (ARPA Lazio);
  • e, ovviamente, del Presidente MeteoNetwork Marco GIAZZI

Proprio Marco Giazzi, in apertura di convegno, ha effettuato un excursus sull’evoluzione della comunicazione in meteorologia, dagli albori pre-internet, quando le informazioni erano limitate e comunque erogate da canali istituzionali con un linguaggio semplice e diretto, fino all’odierna sovrabbondanza di dati e previsioni, spesso non autorevoli e riportate in modo poco o per nulla scientifico, con modalità atte più alla ricerca di introiti commerciali che di altro. Una pratica infausta, con persone e/o aziende che utilizzano illegalmente termini quale “allerta meteo” o “allarme meteo”, che dovrebbero essere invece riservati alle istituzioni a questo preposte.

Marco Giazzi, nel riportare il virtuoso esempio di MeteoNetwork, ha elencato gli sforzi fatti negli anni per creare protocolli di comunicazione, controllo dei processi e verifica delle attività, che ancora oggi rappresentano per MeteoNetwork un investimento culturale e scientifico, utile a favorire una sempre maggiore collaborazione con Enti, Istituzioni, Aziende, Associazioni. Fin dalla sua fondazione MeteoNetwork ha infatti siglato numerose collaborazioni con diverse realtà professionali e non della meteorologia italiana ed estera, come nel caso dell’appena siglato accordo di scambio dati con il National Observatory of Athens/Institute for Environmental Research.

 

Per devolvere il tuo contributo a MeteoNetwork, ti chiediamo di firmare la casella “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale ecc”, nel riquadro in alto a sinistra del modulo relativo al 5×1000, riportando poi sotto la firma il codice fiscale dell’Associazione: 03968320964

Top