Previsione fenomeni temporaleschi 22 giugno 2018

Un marcato fronte freddo attraverserà le regioni adriatiche italiane da Nord a Sud, provocando lo sviluppo di numerosi temporali su queste zone. Al mattino i temporali sono probabili tra le basse pianure del triveneto e l’Alto Adriatico. Successivamente si sposteranno, tra la tarda mattinata e le ore centrali, verso la Romagna, le Marche e in generale l’Appennino Settentrionale. Nel pomeriggio scenderanno infine verso Sud coinvolgendo Toscana interna, Umbria, Abruzzo, Molise e solo in serata la Puglia ( Salento escluso). Su tutte queste zone sono possibili locali forti temporali con possibilità di grandinate con chicchi anche di medie dimensioni, qualche isolato downburst, piogge localmente eccessive ( possibili picchi >80 mm/24h) e trombe marine/landspout. La situazione è al limite con un livello di rischio 2, che però si è preferito non emettere: le ragioni sono spiegate nella discussione. Tra la tarda mattinata e il pomeriggio inoltre sono probabili isolati temporali anche tra Friuli Occidentale, Veneto e Lombardia. Si svilupperanno sulla fascia prealpina e poi potranno localmente scendere in pianura: almeno uno/due celle potrebbero evolvere in supercella e causare grandinate di medio-grosse dimensioni e downburst. Maggiori dettagli nella discussione. In serata alcuni temporali potrebbero svilupparsi anche in Piemonte, specie nelle zone meridionali.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa giovedì 21 giugno 2018 alle ore 13:20 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

 

Previsione fenomeni temporaleschi 16 giugno 2018

Aria fredda in quota continuerà a causare dell’instabilità tra Sud Italia e Balcani, mentre sul Centro-Nord Italia si rafforzerà l’anticiclone delle Azzorre che garantirà tempo stabile. Sono probabili temporali pomeridiani sparsi sull’Appennino Centro-Meridionale, Basilicata, Puglia Occidentale, Calabria e Sicilia Orientale. Tra Basilicata, Puglia Occidentale e Calabria i temporali potrebbero localmente essere forti. Sulla Calabria i temporali sono possibili fin dal mattino. Sono possibili isolati temporali anche sulle Alpi tra Piemonte Occidentale e Francia.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa 15 giugno 2018 alle ore 20:50 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 13 giugno 2018

La goccia fredda entrerà sul Mar Ligure  e poi si sposterà sul Mar Tirreno, causando ancora diffuse condizioni di instabilità su gran parte dell’Italia. Sono attesi numerosi temporali, localmente forti, ma non fenomeni estremi. Nella prima parte di giornata saranno probabili temporali sul Friuli Venezia Giulia, Alpi Orientali, Balcani e tra Liguria e Toscana. Nelle ore centrali della giornata sono probabili temporali diffusi su Toscana, Umbria, Marche, Veneto e Friuli. Dalle ore centrali sono probabili temporali, anche se un po’ più locali rispetto alle regioni menzionate prima, su: Piemonte, Liguria, Lombardia e Emilia Romagna. In tutte le regioni finora elencate sono possibili locali temporali forti con possibili grandinate, anche abbondanti ma con chicchi di dimensione contenuta ( <4 cm di diametro), nubifragi con possibili eventuali flash floods. Invece su Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia Settentrionale, Lazio e Campania i temporali, possibili a partire dal pomeriggio, dovrebbero essere locali e non di forte intensità. In serata-notte sono probabili temporali sull’Adriatico Settentrionale. Nel pomeriggio sono probabili temporali diffusi anche sui Balcani, localmente di forte intensità.

Leggi il bollettino completo su PRETEMP

Emessa martedì 12 giugno 2018 alle ore 17:00 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 09 giugno 2018

La goccia fredda responsabile dei violenti temporali del giorno precedente si sposta verso Est, causando tuttavia ancora residua instabilità sui settori orientali del dominio di previsione. Tra notte e mattinata sono probabili temporali sul Mar Adriatico e sulle coste balcaniche, localmente anche di forte intensità. Non è del tutto escluso che qualche temporale coinvolga anche le coste adriatiche italiane. Nel pomeriggio sono probabili temporali locali sulle regioni adriatiche ( non esclusi per altro anche nella prima parte di giornata) e sulla fascia alpina, mentre sui Balcani sono probabili temporali sparsi localmente forti. Non è escluso che qualche temporale isolato si propaghi anche alla pianura veneto-friulana nel pomeriggio-sera.

Leggi il bollettino completo su PRETEMP

Emessa venerdì 08 giugno 2018 alle ore 20:20 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 06 giugno 2018

Una piccola goccia fredda sull’Adriatico Meridionale causerà instabilità notturna (già in atto) in questa zona: i temporali potrebbero anche localmente essere forti, ma dovrebbero rimanere sul mare. Nelle ore centrali della giornata questa goccia fredda potrebbe causare lo sviluppo di qualche altro temporale tra Puglia e Basilicata, generalmente isolato e non forte. Un’altra goccia fredda più strutturata sull’Europa Occidentale invierà una debole ondulazione ciclonica in quota che potrà causare qualche isolato temporale al mattino sulla Sardegna Occidentale e sul Nord Italia ( pianure comprese) nel pomeriggio-sera. Tra Veneto e Friuli nel pomeriggio-sera potrebbero esserci condizioni migliori per temporali, localmente anche forti: nonostante alcuni dubbi sull’innesco si è deciso di mettere un livello 1. Nel pomeriggio ci saranno diffusi temporali anche sui Balcani e tra Francia e Svizzera, anche se generalmente non di forte intensità.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa martedì 05 giugno 2018 alle ore 20:40 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 03 giugno 2018

Si rafforza temporaneamente l’anticiclone sull’Italia, diminuendo generalmente l’instabilità pomeridiana. Solo sulla fascia alpina sono probabili isolati temporali pomeridiani, possibili molto localmente anche sulla pianura veneta lungo la linea di convergenza della brezza. Isolati temporali pomeridiani sono possibili anche sulla fascia tra Abruzzo e Puglia. A causa di una depressione sull’Europa Occidentale l’instabilità sarà più marcata tra Francia, Svizzera e Alpi del Piemonte Occidentale: in queste zone sono anche possibili isolati forti temporali, grazie alla presenza della forzante dinamica. Un isolato forte temporale non si può escludere anche sulle Dolomiti, grazie all’elevato CAPE ( si è preferito comunque non porre un livello 1).

Emessa sabato 02 giugno 2018 alle ore 20:00 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 30 maggio 2018

Già nelle prime ore della giornata sono possibili isolati temporali sulla pedemontana piemontese Occidentale, che potrebbero localmente essere forti. Dalle ore centrali si svilupperanno numerosi temporali lungo l’Appennino, sulle pianure del Nord-Ovest, su Slovenia e Croazia e, più localmente, sulle Alpi. Isolati temporali pomeridiani sono possibili anche sulle pianure del triveneto. I temporali potranno essere localmente forti sull’Appennino Centro-Settentrionale e soprattutto sulla pianura Padana tra Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte. Nelle pianure del Nord-Ovest sono probabili sistemi convettivi ben organizzati in grado di dar luogo a numerose grandinate, isolati downburst e piogge intense persistenti.

Bollettino completo sul sito PRETEMP 

Emessa 30 maggio 2018 alle ore 20:50 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 29 maggio 2018

È previsto un livello 1 di pericolosità sul Piemonte settentrionale per possibili accumuli di pioggia >80 mm.

Un livello 1 di pericolosità è stato considerato inoltre su Pianura Padana e Pianura Veneta per locali grandinate di diametro >1 cm. Dal pomeriggio aumenterà l’instabilità altresì sulle aree interne della Penisola, dove è stato posto un livello di pericolosità 0 ad eccezione della Lucania laddove strutture temporalesche più organizzate potrebbero dar luogo a rovesci grandinigeni di diametro maggiore a 3 cm.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa lunedì 28 maggio 2018 alle ore 22.00 UTC

Autore: ROTUNNO

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 26 maggio 2018

Un promontorio anticiclonico interessa l’Italia, garantendo generale stabilità. L’afflusso di aria calda umida nei bassi strati, insieme a parziali infiltrazioni fresche in quota, determineranno tuttavia dell’instabilità pomeridiana sulla zona alpina e appenninica centrale, dove quindi sono possibili isolati temporali nel pomeriggio. Tra alto Piemonte e alta Lombardia e sulle Dolomiti gli isolati temporali potrebbero molto localmente assumere carattere di pulse storm e provocare qualche rovescio intenso persistente e qualche grandinata. Non è stato emesso un livello 1 perchè tale rischio è contenuto: nella giornata di domenica potrebbero invece esserci le condizioni sufficiente per l’emissione di un livello 1.

Emessa venerdì 25 maggio 2018 alle ore 21:00 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 23 maggio 2018

Un fronte risale dal basso Tirreno verso il Centro Italia e poi i Balcani. Saranno probabili temporali nella notte in spostamento dalla Campania e Basilicata verso Puglia Settentrionale, Molise, Abruzzo e Mar Adriatico. In mattinata potranno formarsi altri temporali sulle regioni adriatiche, specie tra Marche e Abruzzo. Sono possibili localmente temporali forti, con possibilità di piogge intense persistenti (specie sulle zone adriatiche), locali grandinate e forti raffiche di vento. Nel pomeriggio si formeranno numerosi temporali sui Balcani, localmente di forte intensità. Nel pomeriggio si potranno formare locali temporali anche sugli Appennini e sui settori alpini francesi e svizzeri: questi temporali non dovrebbero essere forti. Non sono del tutto esclusi temporali anche sulla pianura Padano-veneto: si è preferito non porre comunque un livello 0 su queste zone.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa martedì 22 maggio 2018 alle ore 17:30 UTC

Autore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Top