Previsione fenomeni temporaleschi 24 settembre 2018

Per la giornata di domani una saccatura attraverserà Oltralpe il Continente, muovendosi rapidamente verso Est. Le isoterme a 500hPa saranno prossime ai -32°C, mentre la ventilazione in quota ruoterà progressivamente dai quadranti settentrionali sul nostro dominio di previsione. Delle precipitazioni, localmente abbondanti, sono attese suo Balcani, a seguito di fenomeni temporaleschi. Anche sull’Appennino centro-meridionale, specialmente nella seconda parte del giorno, sono previsti dei rovesci, con una tendenza di movimento da Est verso Ovest, vista tale direttrice in quota e al suolo delle correnti sull’Adriatico. Il livello 1 è stato emesso per una porzione di territorio tra Croazia, Slovenia, Bosnia ed Erzegovina, ed estremo Nord-Est italiano, per possibili piogge e venti forti*1 con non esclusa qualche grandinata >1cm. Per le aree a livello 0, invece, tale livello varrà per piogge localmente moderate, seppur non diffuse, associate a possibili grandinate di piccole dimensioni, qualche forte raffica di vento e non sono da escludersi delle trombe marine.

*1NB: è bene sottolineare come su queste aree il vento sarà dovuto non solo ai temporali, ma anche a degli elevati gradienti di pressione e temperatura che si instaureranno tra il versante Nord e Sud delle Alpi, tra i territori balcanici e il Mar Adriatico.

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa domenica 23 settembre 2018 alle ore 18:15 UTC

Previsore: CARPENTARI

Previsione fenomeni temporaleschi 23 settembre 2018

La bassa pressione che da più giorni interessa il mar Tirreno tenderà ulteriormente a perdere forza. Potranno così formarsi alcuni locali temporali nel corso del pomeriggio tra Sicilia e Calabria meridionale. Nonostante saranno localizzati non si esclude qualche forte pioggia concentrata che potrebbe dar luogo a qualche allagamento.

Inoltre un altro fronte freddo tenderà a spostarsi dall’Europa centrale verso il bacino del Mediterraneo centrale interessando direttamente il versante nord alpino. Solamente dalla giornata di lunedì avremo in interessamento maggiore del territorio italiano, in particolare delle coste adriatiche e del centro Italia. Per la giornata di domenica 23 invece i temporali tenderanno a limitarsi alle zone alpine di confine con Francia, Svizzera, Austria e Slovenia e forse alle zone di pianura del Friuli centro orientale.

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa sabato 22 settembre 2018 alle ore 17:15 UTC

Previsore: BUTTURA

Previsione fenomeni temporaleschi 22 settembre 2018

Nella notte transiterà un fronte freddo oltralpe che porterà alla formazione di un minimo di bassa pressione al suolo sull’Alto adriatico. In mattinata sono probabili temporali tra Veneziano Orientale, Friuli e Slovenia, che poi potrebbero estendersi, in maniera più isolata, al Veneto nelle ore centrali della giornata. Tra veneziano Orientale e Friuli sono probabili temporali forti ( è anche possibile al formazione di una/due supercelle intense) in grado di causare nubifragi ( possibilità di flash floods), grandinate con chicchi anche di grosse dimensioni ( 4/6 cm di diametro) e downburst. E’ inoltre possibile la formazione di uno/due tornado ( o trombe marine), anche di natura mesociclonica. Qualche isolato temporale forte potrebbe sviupparsi anche sulle restanti aree del Veneto Orientale, ma comunque i temporali dovrebbero essere qui meno intensi. Saranno inoltre possibili isolati rovesci temporaleschi nel pomeriggio/sera su Romagna, Veneto Occidentale e pedemontane/Prealpi di Lombardia e Piemonte.

Infine, il lento assorbimento del sistema di bassa pressione sul Tirreno meridionale, rinnoverà condizioni di instabilità atmosferica tra Mar Tirreno e Tunisia, seppur di intensità minore rispetto ai giorni precedenti: mentre su Sardegna e Calabria gli eventuali temporali saranno isolati e non di forte intensità, in Sicilia sono probabili ancora temporali sparsi, in grado di provocare piogge intense e raffiche di vento, di origine soprattutto convettiva ( motivi per cui è stato emesso un livello 1).

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa sabato 22 settembre 2018 alle ore 15:20 UTC

Previsore: DE MARTIN-NORDIO

Previsione fenomeni temporaleschi 21 settembre 2018

Un vortice depressionario a tutte le quote, già con struttura barotropica e sostenuto essenzialmente dal calore latente rilasciato dalla convezione profonda nonché da quello sensibile legato a temperature superficiali assai elevate, permane attivo sul mar Tirreno meridionale in corrispondenza di una ondulazione del jet-stream sub.tropicale ed inserito in una modesta saccatura nel campo del geopotenziale in media troposfera. Non è ancora certa la transizione a TLC (Tropical Like Cyclone) o Medicane (Mediterranean hurricane), anche se l’evoluzione più probabile riguarda la prima ipotesi (TLC) o una più “normale” sub-tropical depression. In ogni caso saranno favorite condizioni di elevata instabilità atmosferica su buona parte dell’Italia centro meridionale e sulle Isole Maggiori. La regione più a rischio di fenomeni severi sarà la Sardegna, specie il settore centro-orientale, ed in forma più limitata la Sicilia occidentale. Data la lenta evoluzione verso sud della struttura convettiva si potranno facilmente avere piogge molto intense con accumuli importanti (>100 mm in 24 ore o anche oltre). Localmente gli accumuli potrebbero oltrepassare i 200 mm in 24 ore favorendo allagamenti o flash flood. Meno probabili episodi di grandine eventualmente con chicchi di piccole dimensioni, mentre le raffiche di vento potranno risultare severe per la commistione tra la componente sinottica (circolazione alquanto stretta in seno al ciclone) e quella legata ai downdraft/downburst dei sistemi temporaleschi più intensi. Attività temporalesca frequente ma meno intensa si stima sul resto della Sicilia, sulla dorsale appenninica centro-meridionale, Gargano e localmente sulle pianure occidentali della Puglia. Su queste aree sono attese forti piogge concentrate, locale grandine di modeste dimensioni e raffiche di vento anche intense ma di breve durata.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa giovedì 20 settembre 2018 alle ore 17.00 UTC

Previsore: RANDI

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 20 settembre 2018

Una depressione va ad approfondirsi sempre più sul mar Tirreno generando condizioni di forte instabilità atmosferica su parte dell’Italia centro meridionale e sulle Isole Maggiori. La regione interessata maggiormente della penisola italiana sarà la Sardegna dove il lento spostamento del ciclone verso sud potrà dar luogo a piogge molto intense già a partire dalla nottata ma potranno persistere per tutto il corso della giornata. Localmente gli accumuli di pioggia potrebbero superare i 200 mm in 24 h dando origine ad allagamenti o alluvioni lampo. La grandine risulterà poco probabile e al massimo di piccole dimensioni. Saranno possibili danni da forti raffiche di vento ma saranno perlopiù di origine sinottica. Altri temporali severi saranno possibili sulla Sicilia, su tutta la dorsale appenninica e localmente anche su alcune delle zone di pianura della Puglia. Su queste zone potranno prendere vita forti piogge concentrate, grandine di piccole dimensioni. Infine qualche forte temporale potrebbe localmente interessare le zone costiere del Lazio e della Campania ma la probabilità di innesco sarà minore rispetto alle zone interne.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa mercoledì 19 settembre 2018 alle ore 22:20 UTC

Previsore: BUTTURA

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Previsione fenomeni temporaleschi 19 settembre 2018

Una depressione sul Mar Tirreno causerà marcate condizioni di instabilità su questa zona: in particolare potrebbe formarsi un settore con convezione profonda e persistente che tuttavia dovrebbe coinvolgere solo i settori marini. Alcuni temporali, legati a quest’area di convezione profonda, si potrebbero formare sulla Sardegna ( specie Orientale), Sicilia e settori costieri di Lazio e Maremma e potrebbero risultare localmente forti: il rischio principale saranno le piogge intense persistenti. Altri temporali si dovrebbero formare in maniera sparsa nelle ore diurne sulla dorsale appenninica e sulle Alpi Orientali ( dove tuttavia saranno più deboli e locali). Tra basso Veneto e Romagna infine si potrebbe formare qualche isolato temporale lungo la linea della brezza che potrebbe causare qualche rovescio intenso.

Bollettino completo su PRETEMP

Emessa martedì 18 settembre 2018 alle 21.00 UTC

Previsore: DE MARTIN

COME LEGGERE LA PREVISIONE

 

Previsioni fenomeni temporaleschi 18 settembre 2018

Lo scenario sinottico sull’Europa si dimostra caratterizzato dalla presenza di una leggera saccatura con asse a S-E della Francia, al contempo si estenderà un blando promontorio di alta pressione sulla parte centro orientale del continente europeo. Sui settori settentrionali e centro-settentrionali dell’Italia saranno possibili dei temporali localmente forti, in particolare sull’Arcipelago Toscano durante le prime ore o primo mattino di martedì.

Dalla tarda mattina/primo pomeriggio la formazione di un secondo minimo al suolo al largo dell’Algeria determinerà condizioni di spiccata instabilità sui mari occidentali e tra le due Isole Maggiori, dove sono attesi dei fenomeni temporaleschi organizzati fin verso il Mar Tirreno meridionale.

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa lunedì 17 settembre 2018 alle ore 22.00 UTC

Autore: ROTUNNO

Previsioni fenomeni temporaleschi 17 settembre 2018

Per la giornata di domani, il campo di alta pressione esteso sul Bacino del Mediterraneo subirà ulteriori indebolimenti sul suo settore settentrionale, con aria leggermente più fresca in entrata specie al Nord Ovest e su parte delle Regioni del Centro, in modo particolare lato tirrenico. Probabili temporali di forte intensità tenderanno a svilupparsi tra Corsica, parte alta della Sardegna, Toscana, Umbria, settore più interno delle Marche, Emilia-Romagna, parte della Liguria e della Lombardia, Piemonte centro-meridionale e Alpi francesi. Il livello 1 per tali territori è stato emesso per piogge abbondanti (non esclusi improvvise flash floods e allagamenti), per grandinate e per possibili raffiche di vento sostenute. Non sono inoltre escluse delle trombe marine. Sulle aree a livello 0, invece, possibili temporali relativamente stazionari per la scarsa ventilazione in quota e localizzati su ristrette aree di territorio. Saranno incentivati dal riscaldamento diurno, con maggiori possibilità per le aree montuose, sia appenniniche che alpine. Qui il livello varrà soprattutto per piogge e possibili grandinate di piccole dimensioni con possibili accumuli. Nelle aree di mare, inoltre, non sono escluse delle trombe marine, specie sul Tirreno.

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa domenica 16 settembre 2018 alle ore 15.18 UTC

Autore: CARPENTARI

Previsioni fenomeni temporaleschi 16 settembre 2018

Per la giornata di domani sui settori settentrionali del nostro dominio di previsione prevarrà una ventilazione, nella libera atmosfera, dai quadranti occidentali, mentre sui settori centro meridionali la direttrice del vento assumerà una curvatura anticiclonica, per un promontorio in quota di origine sub-tropicale. Ci sarà ancora spazio per degli spifferi di aria più fresca da Nord, con un leggero calo dei geopotenziali soprattutto in mattinata. Il flusso Atlantico, infatti, avrà delle deboli ondulazioni, dovute al transito di aree di bassa pressione sull’Europa settentrionale. I settori che saranno più soggetti a fenomeni temporaleschi anche di forte intensità saranno le provincie settentrionali piemontesi (in modo particolare area alpina e prealpina), la Lombardia Occidentale, la Valle d’Aosta e la dorsale appenninica. Rovesci a sviluppo prevalentemente diurno anche sul Nord Est, su Corsica e Sardegna. Instabilità, infine, sulle coste del Nord Africa, per l’insistenza di una goccia fredda in decadenza sul Marocco. Il livello 1 è stato emesso per parte del Nord Ovest, per possibili piogge abbondanti (non esclusi allagamenti) e possibili grandinate (soprattutto per possibili accumuli). Il livello 0 è stato emesso per le coste del Nord Africa sempre per piogge localmente forti e per possibili grandinate. Sugli altri settori a livello 0 i temporali saranno prevalentemente a carattere diurno e con tendenza a uno sviluppo maggiore sulle aree montuose. Non escluso qualche fenomeno di forte intensità specie sulla Dorsale Appenninica e tra Sardegna e Corsica.

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa sabato 15 settembre 2018 alle ore 15.05 UTC

Autore: CARPENTARI

Previsioni fenomeni temporaleschi 15 settembre 2018

Sul bacino centrale del Mediterraneo prevale un promontorio anticiclonico di origine sub-tropicale in quota in fase di avanzata da ovest; tuttavia una modesta ondulazione a carico del flusso occidentale imputabile ad una saccatura in quota in transito sul Mare del Nord, introdurrà un modesto afflusso di aria più fresca che da WNW confluirà in cut-off chiuso su Mar Nero. Tale afflusso interesserà essenzialmente le regioni nord-orientali e dell’alto Adriatico perdendo rapidamente di consistenza, tuttavia tenderà a supportare nei bassi strati la formazione di un blando minimo barico, sottovento alla catena alpina per flussi nord-occidentali nei bassi strati, in estensione dal golfo del Leone al settore tirrenico, unendosi ad una debole saccatura in risalita dal comparto ionico all’Adriatico centrale. La spinta da ovest del promontorio anticiclonico sub-tropicale in quota tenderà in ogni caso a stabilizzare maggiormente le condizioni nel corso della giornata, specie dalla sera, per l’avvezione di aria calda e più secca. Temporali locali già dal mattino si potranno pertanto innescare su pianura padana centro-orientale e coste dell’alto Adriatico, in genere non severi, ma con piogge talora intense ed accumuli in breve tempo relativamente elevati, qualche colpo di vento ed isolate grandinate di piccole dimensioni. Nel pomeriggio l’attività convettiva dovrebbe trasferirsi essenzialmente sui rilievi alpini ed appenninici centro-settentrionali. Qualche temporale possibile anche sui rilievi della Calabria, ma in prevalenza isolato e non severo. Per le tutte le aree interessate viene stimato un livello di pericolosità 0 data la temporaneità dell’afflusso debolmente fresco in quota e l’assenza di fronti organizzati.

Bollettino completo su PRETEMP

COME LEGGERE LA PREVISIONE

Emessa venerdì 14 settembre 2018 alle ore 17.00 UTC

Autore: RANDI

Top