29.11.2017 - Meteo
Pioggia, vento, neve e freddo: diamo il benvenuto all’inverno

Lo dico in tutta sincerità: dopo l’andamento approssimativo degli ultimi inverni, speravo davvero di tornare quanto prima a descrivere queste imponenti manovre poste in essere dall’atmosfera. Partendo da un allentamento della corda atlantica, a sua volta figlia di un evidente indebolimento del vortice polare nei bassi strati, il contenuto gelido che ricopriva gli iceberg dell’oceano Artico ha trovato la via per tracimare verso le medie latitudini, una volta tanto dal lato europeo.

Ho cercato di spiegarlo in termini comprensibili a tutti, in questo video (allegato anche in fondo all’articolo): due flussi affiancati, uno dalla Groenlandia e uno dall’Artico norvegese, uniti in un sodalizio volto ad introdurre in pompa magna l’inverno sull’Europa e anche sull’Italia. Inverno meteorologico si, dal primo dicembre, ma anche inverno di fatto, per via delle condizioni meteorologiche che ci aspettano.

Un alternarsi di vento, freddo, pioggia e neve scandiranno il passaggio di consegne tra un autunno che si è distinto soprattutto per l’avarizia nelle precipitazioni e un inverno che sembra invece partire una volta tanto con il piede giusto.

Tra la neve al nord – neve che tra venerdì 1 e sabato 2 dicembre potrebbe arrivare anche in pianura, specie sulle regioni di nord-ovest – il vento che ripulirà l’aria dagli inquinanti portandoci il profumo tipico delle pure distese glaciali, la pioggia, che potrebbe localmente arrivare abbondante, specie al centro-sud, gli ingredienti per una fase meteorologica di grande interesse ci sono tutti e potrebbero insistere per tutta la prima settimana di dicembre.

Il vortice nato in seno all’aria artica si adagerà infatti sui nostri mari di ponente e qui andrà a fondo del suo potenziale portandoci dritti nel cuore del nuovo mese. Poi non si sa cos’altro ci sarà destinato ma, come tutti sappiamo, chi bene inizia è già a metà dell’opera.

Luca Angelini

Top