All’Osservatorio Meteorologico Cavanis 2° incontro ”Invito alla Meteorologia” con il Liceo Benedetti di Venezia.


Autori: 
Marcello Cerasuolo
|
Martedì 20 Dicembre 2016
|
Sezione: 



Si  è  svolto il 15 Dicembre il secondo incontro ”Invito alla Meteorologia” con il  Liceo Benedetti di Venezia. Continuando  il percorso didattico interattivo che il  17 Novembre scorso aveva visto gli  allievi dell’ultimo biennio impegnati a ”Formulare una previsione meteorologica”, i partecipanti –accompagnati dalle professoresse Egle Bettio e Romina Gambron– sono stati accolti con il benvenuto del Preside, prof.Claudio Callegaro, all’Osservatorio Meteorologico dell’Istituto Cavanis di Venezia per affrontare il tema dell’incontro “Osservazione meteorologica secondo lo standard dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM-WMO)”.

Il Col. Marcello Cerasuolo, già docente di Meteorologia e Climatologia a Ca’Foscari, ha illustrato il ruolo avuto da Venezia nella storia della meteorologia con i suoi prestigiosi osservatori (Osserv. Patriarcale 1836-1951, Osserv. Bioclimatologico Ospedale al Mare Lido 1940-2003,  Osserv. Cavanis 1959-tutt’oggi) che hanno segnato traguardi di eccellenza riconosciuti ai più alti livelli mondiali  della meteorologia osservativa. 

Sono state quindi illustrate le regole, le forme e i protocolli per la effettuazione delle osservazioni secondo lo standard OMM.        

Successivamente il Dr. Massimo Ferrario (Servizio Meteorologico Arpav Teolo) ha illustrato le reti meteorologiche osservative oggi presenti in Veneto e la complessa organizzazione per la loro gestione.

Quindi il noto “Storm chaser” Giorgio Pavan ha tenuto un breve seminario sulle nubi, durante il quale gli allievi hanno messo in pratica le loro capacità di osservazione e catalogazione dei vari tipi di nube. 

Infine l’esperto meteorologo Cristiano Corte, ha mostrato gli strumenti esposti  nel piccolo ma ricco museo dell’Osservatorio Cavanis, illustrando il funzionamento di alcuni strumenti di misura dell’umidità e della radiazione solare.

All’Osservatorio sono in funzione, contemporaneamente e in continuo, due stazioni di rilevamento, una dell’Arpav Teolo installata nel 2000, di cui è responsabile il Dr.Ferrario e l’altra, una Davis, installata da pochi mesi da Meteonetwork insieme con 4 web-cam. I relatori hanno mostrato in diretta l’acquisizione dei dati e delle immagini meteo sottolineando la accuratezza e la ricchezza delle rilevazioni che sono continuamente aggiornate e consultabili on-line. 

I meteorologi che hanno organizzato l’evento sono soci, o legati da stretta collaborazione con Meteonetwork, componenti del gruppo di volontari che ha recuperato l’antico Osservatorio meteorologico dell’Istituto  Cavanis.  A breve sono in programma altre iniziative come “Porte aperte” alla cittadinanza e conferenze varie.