04.06.2012 - Comitato Tecnico Scientifico
Toscana: Febbraio 2012 – Statistica

Nella regione Toscana le stazioni totali sono 41

Sono risultate valide 26 stazioni per la temperatura e 26 stazioni per la pluviometria

Una considerazione a parte prima di cominciare a commentare i grafici di questo mese riguarda i dati pluviometrici che potrebbero in parte essere poco attendibili a causa della nevicata realizzatesi nei primi giorni di Febbraio. I dati nivometrici infatti non sono vengono rilevati.

Cominciamo il nostro commento col grafico termico:


Possiamo da subito evidenziare come si è trattato di un mese più freddo se confrontato con la media precedente. Questo risultato si deve senza dubbio all’eccezionale ondata di freddo registrata a partire dal 31 Gennaio e proseguita per tutta la prima decade del mese. In questo periodo spesso anche le temperature massime sono rimaste sotto lo zero.

Come possiamo notare la media delle temperature minime è stata -0.1°C contro +2.8°C della media precedente, anche la temperatura media risulta nettamente inferiore alla media precedente di 3.2°C e allineate al dato risultano anche le temperature massime che sono state al di sotto della media di 3.2°C.

In questo mese si è anche registrata la temperatura minima record con -13.0°C. Il valore massimo resta quello degli anni precedenti con 21.2°C.



Grafico1


Uno sguardo veloce ai dati delle singole stazioni dove si evince che la parte orientale della nostra regione da un punto di vista termico ha interpretato il ruolo principale visto che la stazione di Pratovecchio ha registrato la temperatura minima record di -13.0°C , Foiano della Chiana quella massima con +20.8°C .



Grafico2


 visualizza più grande


Vediamo il dato pluviometrico: fatto cenno ai giorni di neve che hanno caratterizzato i primi giorni del mese dobbiamo dire che dai dati pervenuti registriamo valori nettamente sotto la norma. Questo dato che conferma un trend siccitoso per la regione Toscana è evidente sia per le precipitazioni totali, sia per i giorni di precipitazioni che per le precipitazioni massime ottenute in un giorno.

A margine dobbiamo anche dire che è pur vero che non sono stati inseriti i dati nivometrici ma si è comunque trattato di un mese realmente siccitoso in quanto le precipitazioni nevose abbondanti si sono avute solo nella parte orientale della regione ma non nella centro settentrionale. 

Eccezione a questo dato sotto norma è costituito dalla Versilia dove, a causa della particolare conformazione orografica le precipitazioni sono state a norma.


Grafico3


Infatti nel commento dei dati delle singole stazioni vediamo come Viareggio mantenga un valore in norma col periodo , Castenuovo val di Cecina risulta comunque la stazione con le maggiori precipitazioni.



Grafico4


  visualizza più grande 


Seguendo i dati relativi ai singoli anni precedenti possiamo notare come la media delle temperature minime non risulta essere un record scalzata dal 2003 anche se come possiamo vedere si tratta di un dato con carattere di eccezionalità. In generale vediamo che infatti si è registrato un netto ribasso rispetto alle medie degli anni precedenti.



Grafico5


In assoluto il Febbraio 2012 è stato il più siccitoso, anche se come numero di giorni di precipitazioni il dato è sicuramente falsato dalla mancata considerazione dei giorni di neve: infatti seguendo i dati della cronaca meteo possiamo notare come ci sono state diverse occasioni di precipitazioni deboli nevose nei primi giorni di Febbraio senza accumulo che probabilmente avrebbero comportato una minima mossa dei pluviometri.



Grafico6


Per finire il commento delle temperature e delle precipitazioni record con Castelnuovo Val di Cecina che ha ottenuto i valori pluviometrici record, con Pratovecchio che con i suoi -13°C in piena incursione siberiana ha registrato il record storico e con Arezzo con i suoi 20.8 °C ha il record per la nostra regione registrata nella seconda parte del mese, in netta controtendenza rispetto a quanto accaduto nella prima parte.


Tabella1

Autori: 

Analisi Clima – Statistiche e grafici a cura di Cristina Cappelletto, commento grafici di Luigi Bellagamba

Top