10.10.2015 - Cronaca Meteo
Ciclone mediterraneo: danni e disagi nel Salento

Il ciclone mediterraneo formatosi nei pressi della Sardegna tra la serata di venerdì e la mattinata di sabato ha richiamato aria caldo-umida ed instabile verso le regioni ioniche italiane, alimentando violenti nubifragi dapprima sulla Sicilia orientale e a seguire su Calabria e Puglia meridionale.

La penisola salentina è stata investita in poche ore da due intensi sistemi temporaleschi (MCS) in rapida successione, i quali, muovendosi da SW verso NE, hanno dato luogo a precipitazioni ingenti con intensità fino a 400mm/h accompagnate da raffiche di vento superiori agli 80km/h (punta di 110km/h a Gallipoli) ed elevata attività elettrica. In zona, in poche ore, caduti quasi 9.000 fulmini.

                                              Fulmini tra le 08:40 e le 14:40 (meteo.it)

I nubifragi hanno interessato tutta l’area compresa tra il Capo di Leuca ed i settori meridionali di tarantino e brindisino, ma i fenomeni più intensi hanno colpito con particolare insistenza la provincia di Lecce centro-meridionale. Moltissimi disagi alla circolazione stradale soprattutto nelle aree urbane a causa di allagamenti e alberi divelti dalla furia del vento.

      

                               Melendugno (Michele Pellè)  e Nardò (Paola Antico)

                                                            Maglie (telerama.it)

                                               

                                                    Taurisano (Stefano Marigliano)

Tra Maglie e Melpignano il crollo della copertura di una stazione di servizio ha fatto temere il peggio, ma fortunatamente non vi era nessuno nei paragi.

                                                          (Margherita Scarafile)

Molti disagi anche alla viabilità extra-urbana a causa di numerosi tamponamenti avvenuti sia sulla tangenziale di Lecce sia lungo la Lecce-Maglie, causati dalla visibilità ridotta durante i nubifragi e dalla presenza di foglie, rami e detriti lungo le carreggiate. Nel primissimo pomeriggio il traffico è andato in tilt, causando una coda di autovetture lunga diversi km.

                          Incidente e incolonnamenti sulla SS16 Lecce-Maglie (leccenews24.it)

Il peggio sembra oramai passato, ma fino alla prima parte di domenica permarranno generali condizioni di instabilità atmosferica con possibilità di rovesci e temporali irregolari, i quali tuttavia non raggiungeranno l'intensità delle scorse ore. 

Riportiamo gli accumuli pluviometrici più rilevanti registrati fino alle ore 16:30 dalla Rete Stazioni MeteoNetwork.it e dalla Rete della Protezione Civile regionale:

42mm Collepasso

43mm Tuglie

44mm Ruffano

45mm Soleto

49mm Felline

50mm Galatina

51mm Maglie

56mm Nardò

64mm Vignacastrisi

65mm Melendugno e Minervino

66mm Presicce

70mm Spongano

71mm Corigliano d’Otranto

75mm Cerfignano

80mm Otranto

Staff MeteoNetwork Puglia | 10.10.2015

Top